Debiti da onorare

 :: Vetrina Autori :: Opere :: Granchio

Andare in basso

Debiti da onorare

Messaggio Da granchio il Mer 16 Mag 2012, 13:54

E' successo questo:
Sere fa prima di andare a letto, come spesso uso fare, mi accomodai in poltrona e, mentre con gli occhi chiusi ripassavo la giornata, tanto per stabilire se avessi crediti da riscuotere o debiti da onorare, mi si parò davanti il primogenito. Socchiusi gli occhi e lo vidi immobile, attento, con le mani congiunte dietro la schiena e postura solenne, come nelle ricorrenze importanti.
Immediatamente mi resi conto che non si trattava di qualcosa di ordinario, bensì di fatto grave che certamente avrebbe richiesto molta concentrazione da parte mia. E già questo mi preoccupò non poco.
Mi chiese se poteva farmi una domanda e gli risposi che senz'altro poteva, che sarei stato ben felice di rispondergli, anzi, che non vedevo l'ora di farlo. In quel momento avrei fatto arrossire un fariseo.
Iniziai a muovermi sulla poltrona come se sotto le chiappe avessi un pane di fico d'india e sorridendo falsamente, invitai mio figlio a pormi la domanda.
"Babbo - mi disse - ma due persone, per fare l'amore debbono per forza mugolare tipo: “OOOOHHH, AAAAAHHH, OOOOOOHHH?" L'intonazione era impersonale, priva del tipico trasporto che quasi tutti noi adulti conosciamo, direi scientifica.
Continuai a sorridere, strategicamente; un sorriso falso e prolungato per prendere tempo e pensare rapidamente alle concrete alternative. Valutai la possibilità di imboccare vie di fuga ma non ne vedevo. Eravamo là, noi due, uno davanti l'altro a fronteggiarci. Tutto intorno a noi era sfumato e immobile, soli con i nostri pensieri.
Nelle orecchie mi parve di udire i carillon degli orologi di Indio e del colonnello Mortimer durante il duello finale.
Il finto svenimento l'avevo adottato altre volte e se l'avessi ripetuto anche in quella circostanza, certamente il primogenito avrebbe mangiato la foglia. Così come per il mal di pancia improvviso, l'otite e la telefonata fasulla.
Pur essendo noi due soli avevo la sensazione di essere circondato.
Decisi di prendere il toro per le corna e di affastellare una risposta soddisfacente.
"Non è una condizione necessaria - dissi - pur non essendo un'autorità in materia non credo sia indispensabile rumoreggiare per ottenere… per raggiungere… insomma per conseguire un risultato dignitoso. Comunque alcuni lo fanno, ehmm… per far capire al partner quanto lo amino… un modo come un altro per mostrare affetto reciproco... sai, quando due persone si vogliono bene, si vogliono bene, c’è niente da fare… "
Forse avrei dovuto essere più chiaro, ma proprio non mi venne in testa nulla di meglio, di più intelligente, efficace. Niente.
Al che mio figlio disse: "Ma tu, babbo, rumoreggi?"
"Il fatto è – risposi ingoiando l’ultima goccia di saliva – che ho sempre tante faccende in corso… impegni di qua, impegni di la… e poi canto sotto la doccia, russo, urlo quando mi arrabbio, certe volte mi spremo i foruncoli, cammino a piedi... anzi a tal proposito, sai che ho un dolore terribile proprio qui, al polpaccio sinistro. Vuoi vedere che… "
"Si, ma rumoreggi?" chiese ancora incalzante, indifferente al mio polpaccio. La tentazione di dirgli: "Figlio mio, ma perchè non ti fai i cazzi tuoi!" era davvero forte, ma la ritenni inopportuna e la scartai quasi subito. Abbozzai un "Non me lo ricordo, porca miseria, è passato tanto tempo...".
Una piccola balla, mi si creda, buttata là per disperazione.
Il grande mi sorrise e dopo avermi augurato la buona notte, se ne andò in camera sua.
Lo seguii nell’ombra e stando dietro la porta, come una spia, lo sentii dire al fratello piccolo: " Ha detto che si può scopare anche senza fare rumore..."
Tornai dentro e mi riaccomodai in poltrona.
Guardando in trasparenza un bicchiere colmo a metà di liquore e ascoltando la voce rauca di Janis Joplin, decisi che quel giorno avevo qualche debito da onorare.

_________________
Bisogna vivere bene da vivi perché da morti non si sa.

granchio da Philosopharum crostacei
avatar
granchio
Admin
Admin

Messaggi : 3004
Località : sardegna

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 :: Vetrina Autori :: Opere :: Granchio

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum