Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

IL TRENO DELLA SPERANZA

Andare in basso

IL TRENO DELLA SPERANZA Empty IL TRENO DELLA SPERANZA

Messaggio Da Madam Becau il Sab 14 Set 2013, 20:57

IL TRENO DELLA SPERANZA

Era una sera di dicembre. La pioggia cadeva a dirotto e in quella piccola stazione deserta fissavo nervosamente quel maledetto orologio che sembrava rifiutarsi di muovere le lancette. I nostri tempi non coincidevano. Avevo fretta di incontrare mio padre..Sarebbe arrivato con il treno da Avignone alle ventuno. “Ci rivedremo presto” mi disse per consolare le mie lacrime quel lontano sedici agosto di dieci anni prima. Ci eravamo uniti in un abbraccio che paradossalmente ci divideva. Il ricordo di quel momento drammatico mi accompagnò ogni giorno per tutti quei lunghi anni agognando il momento di rivederlo.
Ma ora ero là ansiosa di vederlo scendere da quel treno con il suo immancabile impermeabile beige e il basco a quadri da assomigliare ad un lord inglese. Bagnata fradicia mi sporsi sui binari illudendomi di scorgere i fari del locomotore che tardava ad arrivare, ma tutto era avvolto nel buio. Mi distolse un rumore di passi lenti ma pesanti. Sembrava un clochard che mi si avvicinava facendomi indietreggiare sospettosa. Era vestito di scuro con un largo cappello che gli nascondeva il viso. Il suo passo claudicante diventava frettoloso mentre quel benedetto treno tardava ad arrivare. Mi guardai attorno spaventata e vidi solitudine. La paura ebbe il sopravvento e mi avviai all'uscita di quella stazione deserta e poco illuminata. L'eco di quei passi non smetteva di seguirmi facendomi aumentare l'andatura. D'un tratto l'uomo gridò il mio nome. Mi fermai impietrita.
Era una voce che conoscevo. Era la voce di mio padre. Mi voltai di scatto ed incrociai il suo sguardo che parlava fissandomi.“Papà” dissi con le braccia protese pronta per abbracciarlo. Ma lui restò immobile ed in silenzio mentre d'un tratto scomparve come risucchiato nella fitta nebbia. Tornai di corsa alla stazione speranzosa di rivederlo, ma mi ritrovai nella stessa desolante solitudine. Non poteva essersi dileguato in così poco tempo. Andai su e giù come impazzita guardando negli angoli più impensati mentre il cellulare mi squillava con insistenza. Si stancherà prima o poi quel qualcuno e riaggancerà, pensai intenda com'ero nella ricerca. Ma non fu così. Quel maledetto telefono continuò a squillare costringendomi a rispondere. Ascoltai sconcertata: mio padre era morto il giorno prima.

Madam Becau
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 809
Età : 70

Torna in alto Andare in basso

IL TRENO DELLA SPERANZA Empty Re: IL TRENO DELLA SPERANZA

Messaggio Da Madam Becau il Lun 16 Set 2013, 10:00

scusatemi. Mi sono confusa e ho ripostato"IL COMIZIO"
Spero che Sall rimetterà tutto a posto. A presto

Madam Becau
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 809
Età : 70

Torna in alto Andare in basso

IL TRENO DELLA SPERANZA Empty Re: IL TRENO DELLA SPERANZA

Messaggio Da Sall il Lun 16 Set 2013, 12:30

Sistemato Smile

_________________
pluralis maiestatis, lo usano anche i giornalisti!
Sall
Sall
Founder
Founder

Messaggi : 5007
Località : Venezia

http://www.inchiostroepatatine.it

Torna in alto Andare in basso

IL TRENO DELLA SPERANZA Empty Re: IL TRENO DELLA SPERANZA

Messaggio Da Madam Becau il Lun 16 Set 2013, 12:42

GRAZIE MILLE. SEI GRANDE!

Madam Becau
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 809
Età : 70

Torna in alto Andare in basso

IL TRENO DELLA SPERANZA Empty Re: IL TRENO DELLA SPERANZA

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.