Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Gio 16 Set 2010, 17:33

Caro Sall, ho in questo momento terminato di cancellare i post riguardanti
la mia attività. L'ho fatto perchè la mia posizione in questo bel forum è particolarmente difficile essendo (forse) l'unico iscritto ad essere scrittore professionista.
Come già ti avevo detto, ho trovato qui (in molti degli iscritti) un'ottima qualità di scrittura che meriterebbe, in qualche caso, l'approdo presso una vera casa editrice. Ma , come sai, è estremamente difficile per la narrativa
scritta da chi è completamente sconosciuto nella cosiddetta "bagarre" letteraria. Per giungere ad un risultato positivo con i veri editori ci vogliono
o qualità eccezionali (che prima o poi vengono riconosciute, come è stato per Moravia, Svevo, Tomasi di Lampedusa, ect) o farsi conoscere nell'ambiente con libri di saggistica particolarmente originali, oppure con collaborazioni giornalistiche.
Quella è la strada, ma non sembra sia presa molto in considerazione qui
dove, a volte, ci si lamenta considerando i "pubblicati" come portatori SOLO di piacevolezze per il lettore, e i NON pubblicati come custodi della vera e grande qualità.
A volte avrei voluto intervenire in qualche discussione in proposito iniziata o proseguita qui nel forum, ma poi ho pensato che avrei potuto generare
malintesi.
Ecco perchè è opportuno che osservi questo bel forum (lo ripeto convinto) dall'esterno pur conservandone l'iscrizione.
Quindi un saluto cordiale a tutti e tanti sinceri auguri.

Qui sotto inserisco un mio racconto che sembra dar ragione a qualcuno degli iscritti, ma così NON è. Il racconto che inserisco è SOLO un racconto.
Eccolo.
Sergio

CHI ME LO FARE? , racconto

E' notte fonda, mi aggiro per la casa tranquilla e addormentata. Ho la testa come un vulcano. Eccola l'ispirazione! Ho voglia di scrivere, di comporre sulla pagina bianca quanto mi attraversa la mente e il cuore. Sono certo che nascerà un buon racconto o quantomeno un utile sfogo e l'inconscio sarà per un poco appagato, tranquillizzato.
Ma chi me lo fa fare? Perché non torno nel letto caldo dove, fra un pensiero e un ricordo, potrò risprofondare nel sonno benefico? Perché rabbrividire nell'umidore della notte? Perché riempire i polmoni del malefico fumo delle sigarette che mi sono necessarie per scrivere? In fondo a cosa serve comporre narrativa di qualità quando pochi la leggono e pochissimi la comprano? Non è meglio scrivere di giorno quando solo il lucido mestiere mi fa produrre saggi e racconti più commerciali, quelli, e sono i soli, che sempre danno il guadagno e qualche volta financo la ricchezza e la grande notorietà? L'inconscio? Ma lo posso chetare a letto rigirandomi fra le coltri morbide a pensare, a dialogare fra me e me senza l'impegno dello scrivere.
Chi me lo fa fare di distruggermi la salute? Di rimanere intontito e sonnacchioso per l'intera giornata che segue quelle notti di scrittura? Già troppe, tante ne ho trascorse così, e con quale risultato? Un incipiente enfisema e un cuore affaticato? Ne è valsa la pena?
Suvvia, in fondo qualche critico si è accorto di me anche prima che lo scrivere di giorno ed il mestiere subentrassero, e qualche valido collega mi ha stimato e lo ha fatto sapere, e qualche apprezzato editore, pur rimettendoci denaro, mi ha pubblicato. Ma quanti mi leggevano allora, e quanti sono oggi che l'editoria di consumo si è impadronita di me? Chi me lo fa fare quando ora, con l'artificioso scrivere di giorno, le recensioni (sia pur meno sincere) e le segnalazioni si susseguono a ritmo intenso sui grandi fogli, sui seguitissimi mass-media perché facenti parte della spirale produttiva di denaro-successo? No, non ne vale la pena consumarsi nel "tormento" narrativo che, come ogni cosa di qualità, viene relegato in ghetti, perché pericoloso, perché fa pensare, perché scopre le finzioni e i meccanismi perversi della scoppiettante società di oggi dove tutto deve essere funzionale e finalizzato per risultati rapidi e sicuri.
Sì, me ne torno a letto. Mi avesse sempre guidato il "chi me lo fa fare". Tanta fatica in meno e quanta possibilità di vivere in più. Ma è proprio vero? E le esaltanti ore del comporre libero, e le sensazioni dolorose e illuminanti che ravvivano ricordi sopiti, scomparsi e non quelli tenuti saggiamente nell'area di parcheggio dei pensieri, da dove, ubbidienti schiavi, son richiamati a volte per brevi controllati gratificanti voli. Questi, invece, svolazzano come uccelli solitari attraverso nuvole dense formando stormi, lasciando traccia. Non abitanti docili e tranquilli, ma vorticanti nello spazio immenso del cervello tanto largo quanto è stretto il mondo, e lì si urtano duramente in modo lancinante, non più vestiti di bianco come fanciulli alla prima comunione, ma negri spettri perché nessuno di essi è contento di sé, ed una volta espresso è una bugia e non è più rivoltabile come un saggio o uno studio, per servirsene parecchie volte. Sono loro che comandano, ti prendono la mano, sono indomabili ed infinitamente belli nell'orrido dei rimorsi della verità di una vita intensamente vissuta. Non si può barare, pena la banalità il falso il costruito su misura. Narrare costa fatica, sangue, quanto e più di un percorso nelle scure tortuose anse di un fetido labirinto, e la vivida luce, il raggio caldo del grande astro che ogni tanto con meraviglia ti raggiunge, non ti compenserà mai a sufficienza. La molteplice faccia dei fatti ti attrae e ti respinge, e, infine, ti lascia stordito ammutolito quando pensi di averne toccata l'essenza, il mistero. Ma il vasto pubblico non lo comprende più, tutto preso dell'effetto gregge imposto dall'attuale società dell'apparenza che dell'individuo, anche dell'artista, tende a valorizzare stereotipe immagini e non la sostanza. Eppure, a ripensarci, ancor oggi all'artista della notte, a differenza di quello artificioso e consumistico del giorno cui s'offrono la miriade di fatue fan capaci di sfornare a ritmo continuo deboli passioni, capita d'essere amato per le sue opere, per la sua cultura, per la sua arte. Allora il vero compenso, il più bello del mondo, lo appaga e non conta più il suo fisico, i suoi abiti e il suo denaro. Qualche rara stupenda vera donna, che riesce ancora a comprendere il fascino della mente e della creatività diviene sua e in modo completo, dimentica del risonante e solo all'apparenza fulgido consumismo. A me è capitato e mi è sembrato di rivivere le stupende storie d'amore che hanno accompagnato e illuminato le tormentate vivide esistenze dei tanti artisti della notte del passato. E' proprio vero? Sì, certo, ma solo per i primi tempi, perché quelle donne, sia pur stupende, son sempre il prodotto dei nostri tempi e della nostra società, e son possessive e ti vogliono tutto per loro e, pur ammirando il tuo lavoro, il prodotto della notte, ne son gelose e ti costringono prima o poi ad una scelta.
Chi me lo fa fare? Torno nel letto caldo, alla vita ordinata, al facile denaro dello scriver di giorno e alla salute, che se proprio deve essere intaccata, lo sia per più realistiche e immediatamente godibili prestazioni.

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da granchio il Gio 16 Set 2010, 18:14

Sergio ha scritto:
Qui sotto inserisco un mio racconto che sembra dar ragione a qualcuno degli iscritti, ma così NON è. Il racconto che inserisco è SOLO un racconto.
Eccolo.
Sergio

Una riflessione toccante sul ruolo dello scrittore e, sopratutto, sulla qualità dello scrivere. Caro Sergio, credo sia il tormento di ogni aspirante scrittore, trovare la giusta sintesi tra qualità e commerciabilità, ecco perchè è preferibile un altro mestiere. Grazie della compagnia e perdona se alcune volte non ci si è capiti.
con simpatia.
mario
granchio
granchio
Admin
Admin

Messaggi : 3004
Località : sardegna

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sall il Gio 16 Set 2010, 19:30

Caro Sergio, il fatto che tu sia uno scrittore professionista non ti rende diverso da molti di noi ammesso e non concesso che qui dentro ci siano potenziali scrittori pubblicabili.
Se, quindi, trovi qualità qui dentro, non capisco il motivo di guardarci dall'esterno. A me farebbe piacere che tu contribuissi anche alle discussioni riguardo l'editoria eccetera e per quanto riguarda i malintesi non averne paura, tu buttati, se poi qualcuno non dovesse essere d'accordo rimane una sua opinione.
Se invece preferisci andartene, ti saluto con affetto e ti ringrazio per la partecipazione e quest'ultima interessante riflessione.
A presto.
Sall
Sall
Founder
Founder

Messaggi : 5007
Località : Venezia

http://www.inchiostroepatatine.it

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da ale il Gio 16 Set 2010, 19:46

ahahaha! Sergio!
Per una volta che avevo iniziato seriamente a leggere il tuo racconto... l'ho dovuto lasciare a metà.

:D

ciao, alla prossima
ale
ale
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1299
Località : spostata

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Ratsy il Gio 16 Set 2010, 20:29

ale ha scritto:ahahaha! Sergio!
Per una volta che avevo iniziato seriamente a leggere il tuo racconto... l'ho dovuto lasciare a metà.

Very Happy

ciao, alla prossima

Caspita ti stava proprio piacendo il suo racconto.. :/
Ma povero sergio!!! Sad Sad
Ratsy
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da ale il Gio 16 Set 2010, 20:54

Ratsy ha scritto:
ale ha scritto:ahahaha! Sergio!
Per una volta che avevo iniziato seriamente a leggere il tuo racconto... l'ho dovuto lasciare a metà.

:D

ciao, alla prossima

Caspita ti stava proprio piacendo il suo racconto.. :/
Ma povero sergio!!! :( :(

Guarda che avevo appena iniziato a leggere, sono dovuta uscire: sai quando si sveglia Topino non è che posso leggere... e quando sono tornata... non c'era più!
Ho letto 4 righe.
La risata è per la coincidenza...
ale
ale
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1299
Località : spostata

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Ratsy il Gio 16 Set 2010, 21:46

ale ha scritto:
Ratsy ha scritto:
ale ha scritto:ahahaha! Sergio!
Per una volta che avevo iniziato seriamente a leggere il tuo racconto... l'ho dovuto lasciare a metà.

Very Happy

ciao, alla prossima

Caspita ti stava proprio piacendo il suo racconto.. :/
Ma povero sergio!!! Sad Sad

Guarda che avevo appena iniziato a leggere, sono dovuta uscire: sai quando si sveglia Topino non è che posso leggere... e quando sono tornata... non c'era più!
Ho letto 4 righe.
La risata è per la coincidenza...

sisi tranquilla Very Happy mi riferivo al "per una volta che avevo iniziato seriamente" io lo dico come scusa quando avrei dovuto cominciare la dieta pre-bikini o smettere di fumare e poi guarda caso la pasticceria di fronte a casa mia mi mette un enorme torta sacher in vetrina.. cosi mi vedo costretta a mangiarmela tutta e poi me ne fumo una per consolarmi! Very Happy Very Happy
Ratsy
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da ale il Gio 16 Set 2010, 21:54

Ratsy ha scritto:

sisi tranquilla :D mi riferivo al "per una volta che avevo iniziato seriamente" io lo dico come scusa quando avrei dovuto cominciare la dieta pre-bikini o smettere di fumare e poi guarda caso la pasticceria di fronte a casa mia mi mette un enorme torta sacher in vetrina.. cosi mi vedo costretta a mangiarmela tutta e poi me ne fumo una per consolarmi! :D :D

Quest'estate ho perso gli ultimi 5kg post gravidanza. Come ho fatto? Appena mi siedo a mangiare Topino strilla.
Se vuoi te lo presto, così otteniamo un doppio risultato: tu a dieta e io riesco a dormire. In due mesetti potremmo essere entrambe due persone rimesse a nuovo!
ale
ale
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1299
Località : spostata

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Ratsy il Gio 16 Set 2010, 21:59

ale ha scritto:
Ratsy ha scritto:

sisi tranquilla Very Happy mi riferivo al "per una volta che avevo iniziato seriamente" io lo dico come scusa quando avrei dovuto cominciare la dieta pre-bikini o smettere di fumare e poi guarda caso la pasticceria di fronte a casa mia mi mette un enorme torta sacher in vetrina.. cosi mi vedo costretta a mangiarmela tutta e poi me ne fumo una per consolarmi! Very Happy Very Happy

Quest'estate ho perso gli ultimi 5kg post gravidanza. Come ho fatto? Appena mi siedo a mangiare Topino strilla.
Se vuoi te lo presto, così otteniamo un doppio risultato: tu a dieta e io riesco a dormire. In due mesetti potremmo essere entrambe due persone rimesse a nuovo!

ahahah lol!

Purtroppo anche io strillo.. farei dimagrire Topino Shocked
Ratsy
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Artemisia il Ven 17 Set 2010, 01:22

Sergio bellissimo racconto-riflessione (Chi me lo fa fare) che esplica meravigliosamente lo stato d’animo di chi è “ammalato di scrittura”.
Stupendo questo tratto: “Narrare costa fatica, sangue, quanto e più di un percorso nelle scure tortuose anse di un fetido labirinto, e la vivida luce, il raggio caldo del grande astro che ogni tanto con meraviglia ti raggiunge, non ti compenserà mai a sufficienza. La molteplice faccia dei fatti ti attrae e ti respinge, e, infine, ti lascia stordito ammutolito quando pensi di averne toccata l'essenza, il mistero”.
Mi dispiacerebbe non poter leggere più brani così belli e significativi. Se non mi sbaglio, hai scritto un libro che riguarda proprio gli scrittori esordienti, quindi i tuoi consigli potrebbero essere ben accetti e utili a tutti noi.
Grazie e a presto. Very Happy
Artemisia
Artemisia
Admin
Admin

Messaggi : 5379

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Ratsy il Ven 17 Set 2010, 09:43

Artemisia ha scritto:Mi dispiacerebbe non poter leggere più brani così belli e significativi. Se non mi sbaglio, hai scritto un libro che riguarda proprio gli scrittori esordienti, quindi i tuoi consigli potrebbero essere ben accetti e utili a tutti noi.
Grazie e a presto. Very Happy

Forse questo libro al quale ti riferisci è disponibile in libreria? come tutti gli altri di cui abbiamo avuto una preview?
Sergio senza volervo hai appena concluso una perfetta operazione di marketing sai Very Happy

pirat
Ratsy
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Scheggia il Ven 17 Set 2010, 11:12

Io non riesco a chiedermi "chi me lo fa fare", io scrivo perché non posso non farlo.
E se sono destinata a vendere tanto nel futuro o a farmi leggere soltanto da mia cugina, so che la mia situazione non cambierebbe. Io scrivo da quando ho imparato, senza mai prenderne atto, senza stabilirlo... La scrittura c'è in ogni attimo, in ogni passo, in ogni volto della mia vita fino ad oggi, come se fosse contornata da Lei, come se mi guidasse, in cosa esattamente non lo so... e se ho deciso di provarci - di seguirla - con degli editori e non conservarla in un cassetto, è perché so che ci sarà per sempre, che mi piaccia o no, volente o nolente.

E mi fa rabbia quando si dice che scrivere è sudore.
Che fare lo scrittore è fatica.

Sudore?
Fatica?

Per lavoro hai la tua passione e parli di sudore e fatica?

La gente elemosina un lavoro qualsiasi... la gente muore sul lavoro... la gente suda davvero sul posto di lavoro... e fatica a guadagnarsi uno stipendio con il suo sudore, quello reale, che ti cola sulle tempie, che t'inzuppa le camicie...

Per poco che guadagnerei con ciò che scrivo, sarebbe già tanto... perché io vendo sogni e fantasie, mentre tutti gli altri mandano avanti il mondo in cui vivo...



E questo che ho scritto non è rivolto soltanto al tuo racconto Sergio, diciamo che l'ho preso come spunto... perché non faccio che leggere la parola scrittura associata alla fatica e al sudore... e mi viene la nausea ogni singola volta.
Certo, se mi dici che per una cosa scritta per bene occorre tempo, occorrono molte riletture e riflessioni, ok... giusto. Ma questo non è sudore, non quello vero... resta sempre tra i piaceri.
E se ci s'imbatte nella delusione, il nostro lavoro non si trasforma in sudore ma in sogni invenduti... che potranno però sempre essere venduti domani. O magari semplicemente offerti a chi ne è in carenza...


E non riesco a comprendere perché la tua partecipazione possa essere particolarmente difficile perché sei l'unico scrittore professionista... e riguardo alla strada da dover intraprendere per approdare ad un certo risultato ma che noi - stando a tuo dire - snobbiamo o comunque non comprendiamo, è semplicemente perché ognuno di noi ha il suo personale cammino... non può seguire i passi di chi magari per quella via ce l'ha fatta... seguendoli cercheremo soltanto di imitarlo e falliremo... bisogna trovare il proprio percorso e poi trovare anche il coraggio d'intraprenderlo - che è forse più difficile - anche se qualcuno ci ricorda che è quello sbagliato perché per sé non ha funzionato...




Ok, ora la smetto, perché ho scritto anche troppo... e perché inizio ad annoiarmi da sola, e immagino molto di più voi a leggermi.


ps:
dimenticavo.
Se cambi idea Sergio, sai dove trovarci.
Noi siamo qua.
Scheggia
Scheggia
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 824

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sabanèl il Ven 17 Set 2010, 17:34

Non c'è alcunchè di noioso nelle tue riflessioni, anzi.
Chissà, forse un giorno riuscirò a leggerti anch'io...oltre a tua cugina. Me lo auguro.
Tu insisti cheers bounce cheers bounce sunny
Sabanèl
Sabanèl
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 536
Età : 67
Località : intra montes

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Scheggia il Ven 17 Set 2010, 17:44

Sabanèl ha scritto:
Chissà, forse un giorno riuscirò a leggerti anch'io...oltre a tua cugina.

Mi farebbe piacere e... sai, potrebbe anche accadere molto presto... Wink

Scheggia
Scheggia
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 824

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Sab 18 Set 2010, 11:11

granchio ha scritto:
Sergio ha scritto:
Qui sotto inserisco un mio racconto che sembra dar ragione a qualcuno degli iscritti, ma così NON è. Il racconto che inserisco è SOLO un racconto.
Eccolo.
Sergio

Una riflessione toccante sul ruolo dello scrittore e, sopratutto, sulla qualità dello scrivere. Caro Sergio, credo sia il tormento di ogni aspirante scrittore, trovare la giusta sintesi tra qualità e commerciabilità, ecco perchè è preferibile un altro mestiere. Grazie della compagnia e perdona se alcune volte non ci si è capiti.
con simpatia.
mario

Caro Granchio (Mario), grazie per quello che hai qui sopra scritto e, con i miei auguri, una cordiale stretta di mano.
Sergio

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Sab 18 Set 2010, 11:28

Sall ha scritto:Caro Sergio, il fatto che tu sia uno scrittore professionista non ti rende diverso da molti di noi ammesso e non concesso che qui dentro ci siano potenziali scrittori pubblicabili.
Se, quindi, trovi qualità qui dentro, non capisco il motivo di guardarci dall'esterno. A me farebbe piacere che tu contribuissi anche alle discussioni riguardo l'editoria eccetera e per quanto riguarda i malintesi non averne paura, tu buttati, se poi qualcuno non dovesse essere d'accordo rimane una sua opinione.
Se invece preferisci andartene, ti saluto con affetto e ti ringrazio per la partecipazione e quest'ultima interessante riflessione.
A presto.

Caro Sall, purtroppo essere l'unico professionista fa differenza, non in me,
ma in alcuni altri. E' come essere l'unico ad aver trovato posto in una comunità di disoccupati e ciò in genere può suscitare un po' d'invidia e quindi di malanimo. Pur essendo cosciente che la vita è ben altra e più importante cosa dell' essere stato pubblicato o meno, NON intendo generare polemiche. Già ne ho fatte tante altre, e di ben altro spessore, nella mia vita lavorativa (compresi i miei libri).
Accetto, invece, con piacere il tuo saluto affettuoso, che ricambio cordialmente, e ti assicuro che, nei limiti di tempo disponibile, continuerò
a seguirvi con simpatia.
Sergio

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Sab 18 Set 2010, 11:41

Artemisia ha scritto:Sergio bellissimo racconto-riflessione (Chi me lo fa fare) che esplica meravigliosamente lo stato d’animo di chi è “ammalato di scrittura”.
Stupendo questo tratto: “Narrare costa fatica, sangue, quanto e più di un percorso nelle scure tortuose anse di un fetido labirinto, e la vivida luce, il raggio caldo del grande astro che ogni tanto con meraviglia ti raggiunge, non ti compenserà mai a sufficienza. La molteplice faccia dei fatti ti attrae e ti respinge, e, infine, ti lascia stordito ammutolito quando pensi di averne toccata l'essenza, il mistero”.
Mi dispiacerebbe non poter leggere più brani così belli e significativi. Se non mi sbaglio, hai scritto un libro che riguarda proprio gli scrittori esordienti, quindi i tuoi consigli potrebbero essere ben accetti e utili a tutti noi.
Grazie e a presto. Very Happy

Cara Artemisia, sono commosso per quello che mi scrivi e ti ringrazio
con affetto.
Se, come vedo, ti piacciono i miei scritti, potrai leggerli a tuo piacimento
nel mio sito dove NON è necessario iscriversi.
Per quanto riguarda i miei libri sugli aspiranti scrittori, proprio ieri ne ho
inserito integralmente uno qui nei "consigli di lettura".
L'ho fatto per essere utile e per non ingenerare sospetti (scherzosi?) di
fare opera promozionale.
Per quanto riguarda te personalmente, potrai chiedermi i consigli che vuoi
indirizzandoli a b_35@hotmail.com. Farò il possibile, per quel poco che posso, per aiutarti.
Sergio

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Sab 18 Set 2010, 11:48

ale ha scritto:ahahaha! Sergio!
Per una volta che avevo iniziato seriamente a leggere il tuo racconto... l'ho dovuto lasciare a metà.

Very Happy

ciao, alla prossima

Ahahah, Ale,
vedi che fortuna che hai!
Ciao
Sergio

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Sab 18 Set 2010, 12:13

Scheggia ha scritto:Io non riesco a chiedermi "chi me lo fa fare", io scrivo perché non posso non farlo.
E se sono destinata a vendere tanto nel futuro o a farmi leggere soltanto da mia cugina, so che la mia situazione non cambierebbe. Io scrivo da quando ho imparato, senza mai prenderne atto, senza stabilirlo... La scrittura c'è in ogni attimo, in ogni passo, in ogni volto della mia vita fino ad oggi, come se fosse contornata da Lei, come se mi guidasse, in cosa esattamente non lo so... e se ho deciso di provarci - di seguirla - con degli editori e non conservarla in un cassetto, è perché so che ci sarà per sempre, che mi piaccia o no, volente o nolente.

E mi fa rabbia quando si dice che scrivere è sudore.
Che fare lo scrittore è fatica.

Sudore?
Fatica?

Per lavoro hai la tua passione e parli di sudore e fatica?

La gente elemosina un lavoro qualsiasi... la gente muore sul lavoro... la gente suda davvero sul posto di lavoro... e fatica a guadagnarsi uno stipendio con il suo sudore, quello reale, che ti cola sulle tempie, che t'inzuppa le camicie...

Per poco che guadagnerei con ciò che scrivo, sarebbe già tanto... perché io vendo sogni e fantasie, mentre tutti gli altri mandano avanti il mondo in cui vivo...



E questo che ho scritto non è rivolto soltanto al tuo racconto Sergio, diciamo che l'ho preso come spunto... perché non faccio che leggere la parola scrittura associata alla fatica e al sudore... e mi viene la nausea ogni singola volta.
Certo, se mi dici che per una cosa scritta per bene occorre tempo, occorrono molte riletture e riflessioni, ok... giusto. Ma questo non è sudore, non quello vero... resta sempre tra i piaceri.
E se ci s'imbatte nella delusione, il nostro lavoro non si trasforma in sudore ma in sogni invenduti... che potranno però sempre essere venduti domani. O magari semplicemente offerti a chi ne è in carenza...


E non riesco a comprendere perché la tua partecipazione possa essere particolarmente difficile perché sei l'unico scrittore professionista... e riguardo alla strada da dover intraprendere per approdare ad un certo risultato ma che noi - stando a tuo dire - snobbiamo o comunque non comprendiamo, è semplicemente perché ognuno di noi ha il suo personale cammino... non può seguire i passi di chi magari per quella via ce l'ha fatta... seguendoli cercheremo soltanto di imitarlo e falliremo... bisogna trovare il proprio percorso e poi trovare anche il coraggio d'intraprenderlo - che è forse più difficile - anche se qualcuno ci ricorda che è quello sbagliato perché per sé non ha funzionato...




Ok, ora la smetto, perché ho scritto anche troppo... e perché inizio ad annoiarmi da sola, e immagino molto di più voi a leggermi.


ps:
dimenticavo.
Se cambi idea Sergio, sai dove trovarci.
Noi siamo qua.


Cara Scheggia,
specialmente in passato il cinema dava delle immagini del tutto fiorvianti
sugli artisti.
In particolare il pittore era perlopiù un giovane di bell'aspetto che dipingeva con estrema faciltà e il cui unico rovello era dover pagare la pigione o la trattoria.
A loro volta gli scrittori da film, erano rappresentati da altri interessanti giovani, che su un tavolino in terrazza di fronte al mare e con una svolazzante bellissima donna che continuamente appariva, picchiavano come matti sui tasti della macchina da scrivere senza un foglio, un libro o altro accanto.
MA NON E' COSI': fare arte (arte vera) è non solo creazione, ma attentissima ricerca! Il vero scrittore scava fra i suoi ricordi e i fatti che vive analizzandoli più e meglio di Freud o Jung. E' QUESTO CHE COSTA SANGUE! E non soltanto la ricerca su testi di ogni genere perchè un vero narratore se parla di una pianta, di un mobile, di una malattia, ect DEVE ben documentarsi perchè DEVE ESSERE PRECISO E CREDIBILE.
Non basta quindi avere un'idea e mettersi allegramente al pc e sparare
un racconto od un romanzo. Per quest'ultimo poi si deve poter DIALOGARE con i personaggi creati che ACQUISTANO UNA LORO PRECISA IDENTITA' E NON SI PUO' COSTRINGERLI COME MARIONETTE A FARE TUTTO QUELLO CHE L'AUTORE DESIDERA (ecco la diffeerenza fra scrittura commerciale e NO).

Infine, Scheggia, è giusto avere un proprio obiettivo, ma primaditutto bisognerebbe sapere se si possiede il VERO gtalento o No. Non basta scrivere correntemente per divenire narratore. Bisogna trovare UN VERO SINCERO COMPETENTE CHE GIUDICHI SE NE HAI IL TALENTO O NO.
Se la risposta dovesse essere negativa, continuare solo per sè stessi (se fa piacere) ma abbandonare la pretesa di trovare un 'editore che ti pubblichi, ti pubblicizzi e ti diffonda TOTALMENTE A SUE SPESE.
Spero di averti risposto on sufficiente chiarezza, la sincerità c'è tutta.
AUGURI
Sergio

PS. Leggo con piacere che stai per pubblicare. Mandalo a tutti i giornali
e lì forse avrai la risposta che attendi.
AUGURISSIMI!!!!!!!

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Ratsy il Sab 18 Set 2010, 15:30

Sergio ha scritto:
Per quanto riguarda i miei libri sugli aspiranti scrittori, proprio ieri ne ho
inserito integralmente uno qui nei "consigli di lettura".
L'ho fatto per essere utile e per non ingenerare sospetti (scherzosi?) di
fare opera promozionale.

Sì sergio era palesemente un commento scherzoso! Very Happy anche perché non vedo dove sarebbe il problema se uno scrittore pubblicato si facesse un po' di pubblicità sul forum.. serve anche a questo, vedi per esempio anche scheggia o jamie che hanno condiviso con noi il loro successo!
Anche per questa ragione quello che hai scritto poco fa

Sergio ha scritto:Caro Sall, purtroppo essere l'unico professionista fa differenza, non in me,
ma in alcuni altri. E' come essere l'unico ad aver trovato posto in una comunità di disoccupati e ciò in genere può suscitare un po' d'invidia e quindi di malanimo. Pur essendo cosciente che la vita è ben altra e più importante cosa dell' essere stato pubblicato o meno, NON intendo generare polemiche.

non mi sembra molto veritiero, almeno io non ho notato nessun atteggiamento di invidia nei tuoi confronti da parte di utenti del forum, e anche se fosse sarebbe un problema di questa o queste persone. Come hai potuto costatare leggendo il post di Artemisia, per molti la tua presenza e partecipazione è preziosa.
Ma qualunque cosa deciderai di fare, è stato un piacere incontrarti su questo forum.

pirat

Ratsy
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Sab 18 Set 2010, 15:53

Ratsy ha scritto:
almeno io non ho notato nessun atteggiamento di invidia nei tuoi confronti da parte di utenti del forum, e anche se fosse sarebbe un problema di questa o queste persone. Come hai potuto costatare leggendo il post di Artemisia, per molti la tua presenza e partecipazione è preziosa.
Ma qualunque cosa deciderai di fare, è stato un piacere incontrarti su questo forum.


Grazie Ratsy per quello che hai scritto e ti dirò che anche per me
è stato un piascere incontrare tutti voi in questo forum a meno di una persona a cui rispondo qui sotto.
Ciao
Sergio

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Scheggia il Sab 18 Set 2010, 17:51

Sergio ha scritto:


MA NON E' COSI': fare arte (arte vera) è non solo creazione, ma attentissima ricerca! Il vero scrittore scava fra i suoi ricordi e i fatti che vive analizzandoli più e meglio di Freud o Jung. E' QUESTO CHE COSTA SANGUE! E non soltanto la ricerca su testi di ogni genere perchè un vero narratore se parla di una pianta, di un mobile, di una malattia, ect DEVE ben documentarsi perchè DEVE ESSERE PRECISO E CREDIBILE.
Non basta quindi avere un'idea e mettersi allegramente al pc e sparare
un racconto od un romanzo. Per quest'ultimo poi si deve poter DIALOGARE con i personaggi creati che ACQUISTANO UNA LORO PRECISA IDENTITA' E NON SI PUO' COSTRINGERLI COME MARIONETTE A FARE TUTTO QUELLO CHE L'AUTORE DESIDERA (ecco la diffeerenza fra scrittura commerciale e NO).


questo mi sembra ovvio e scontato...
scrivere su un blog o qui sul forum è diverso dallo scrivere un romanzo... e difatti non intendevo mica questo, in ciò che ho scritto nel mio commento precedente.

E questo - mi dispiace contraddirti ancora - ma non costa alcun sangue... si, virtualmente è una frase ad effetto, ma su dai...
dovessi impiegarci anche dieci anni a scrivere un libro, non mi permetterei mai di dire in giro che mi è costato fatica, sudore e sangue...
tutti coloro che hanno una passione fanno dei sacrifici: vedi un'atleta qualunque, una ballerina classica, un musicista, un pittore, uno scrittore...
poi ci sono quelli che fanno sacrifici con lavori distanti dall' "arte", ma non si possono certo considerare sacrifici minori, anzi spesso sono maggiori e spesso non trovano neppure un riscontro...

sarà per questo che gli scrittori stanno un pò antipatici alla maggioranza della gente che li definisce egocentrici e permalosi?



tra l'altro - riprendo la questione del tuo "allontanamento" - non ho letto nessuno trattarti in maniera differente perché sei uno scrittore professionista, ma piuttosto vedo continuamente il contrario... sei tu che ti senti uno scrittore professionista e non fai altro che ricordarcelo sostenendo tuttavia allo stesso tempo che vuoi essere trattato al pari nostro...

nessuno prova invidia per te, non capisco da dove provvenga questo "timore"... forse perché nessuno (o quasi) ha commentato gli "stralci" (definito da te così, se non mi sbaglio) dei tuoi scritti postati in giro per questo forum?
ti assicuro che l'invidia non c'entra nulla... magari si è solo impegnati in altre faccende e si ha poco tempo....

e questo dovresti averlo capito quando hai cambiato nickname...





Infine, Scheggia, è giusto avere un proprio obiettivo, ma primaditutto bisognerebbe sapere se si possiede il VERO gtalento o No.

E quindi te,
ti definiresti un VERO talento?






PS. Leggo con piacere che stai per pubblicare. Mandalo a tutti i giornali
e lì forse avrai la risposta che attendi.
AUGURISSIMI!!!!!!!

I giornali ormai non li legge nessuno... e per il target che ho in mente io - non di certo una cerchia di elite, ma il gruppo più comune di adolescenti che io adorerei di emozionare almeno un pochino - internet è il mezzo più efficace e diretto, l'unico che possa raggiungere chi vorrei io...
e comunque, grazie del consiglio, ma accanto a me ho già moltissima gente che mi sta dietro nei migliori dei modi...

grazie ancora per gli auguri,
li ricambio per i tuoi futuri libri



Ultima modifica di Scheggia il Dom 19 Set 2010, 11:04, modificato 1 volta
Scheggia
Scheggia
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 824

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Scheggia il Sab 18 Set 2010, 18:20



ps:
ho spostato il 3d su caffé letterario perché non era una "presentazione", spero non ti dispiaccia Sergio.

Scheggia
Scheggia
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 824

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Sergio il Dom 19 Set 2010, 11:59

Scheggia, rispetto le tue opinioni, ma penso (ed è un'opinione)
che hai idee non molto chiare su cosa sia il mondo dell'arte, quella vera,
quella che non si bea soltanto del giudizio di alcuni parenti o amici, nè di
interessati "editori" a pagamento o giù di lì. E per quanto internet
abbia aperto nuove vie di diffusione, il vero tempio di un libro
rimane la libreria e poi la biblioteca, ed i veri critici sono quelli
della carta stampata che sono i soli (insieme al pubblico e ai direttori editoriali dei veri editori) a riconoscere se uno scrittore ha talento
o no perchè talento significa (estensione) "persona geniale dotata di grandi capacità".
Mi domandi se io ritengo di avere talento? E cosa ne so? Spetta a chi
ha letto o leggerà la mia intera produzione a dirlo. Ti pare?
COMUNQUE SIA, CON GRANDE SINCERITA', TI RINNOVO GLI AUGURI
e mi permetto (sommessamente) di ricordarti che LO SCRIVERE FA L'UOMO PRECISO ( i miei erano stralci NON di libri, ma di RECENSIONI sui miei libri).
Sergio

Sergio
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 117

http://brunocotronei.3forum.biz

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Scheggia il Dom 19 Set 2010, 12:07

Rispetto anch'io le tue opinioni
ma tu non mi conosci e quindi non puoi affermare che io non abbia idee molto chiare sul mondo dell'arte... e su ciò che vorrei fare o sto facendo, o con chi sono in rapporto...

Sei tu che hai scritto che se trovi un editore che ti pubblichi a sue totali spese, ciò significa che sei un VERO TALENTO... quindi, per deduzione, ho tradotto che tu ti ritieni tale...
che per carità, non c'è nulla di male nel pensarlo!
la falsa modestia è ipocrisia... quindi meglio essere sinceri.

Scheggia
Scheggia
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 824

Torna in alto Andare in basso

CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio Empty Re: CHI ME LO FA FARE?, Un saluto cordiale a tutti da Sergio

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.