Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

[I&P] Blog per IoScrittore 2011

Pagina 11 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... , 10, 11, 12  Seguente

Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da ale il Ven 20 Mag 2011, 22:10

Laughing
ale
ale
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1299
Località : spostata

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Thomas Mann il Sab 21 Mag 2011, 16:31

Sì, mio buon Granchio, mi sembra abbastanza chiaro che la prima ipotesi è una autentica porcheria di genere Cannibale, generi di importazione da quegli USA che tanto di buono hanno dato alla nostra misera cultura. La seconda mi sembra una forzatura allo scopo di rendere ridicola agli occhi della precedente stesura. A mio avviso, con una piccola mediazione fra la schifezza e la forzatura ne uscirebbe un testo accettabile. Problema è il punto di incontro.
Thomas Mann
Thomas Mann
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 589
Età : 67
Località : Roma

http://www.ilgiardinodizarathustra.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Sall il Sab 21 Mag 2011, 17:32

Ma scusa, Thomas. Per quale motivo generalizzi in questo modo?
Sei mai stato in un bar di periferia? Hai mai ascoltato una qualsiasi conversazione in constesti analoghi? Leggendo i tuoi commenti sembra la tua cultura si limiti alla televisione e i film d'azione holliwoodiani. "Cazzo porca troia" = "genere di importazione USA".
Se devi riprodurre un dialogo tra uno spacciatore e un tossico che ha appena cercato di fregare lo spacciatore (esempio banalissimo) cosa credi che venga fuori? Una via di mezzo? Oppure pensi che gli spacciatori esistano soltanto negli Stati Uniti? O che soltanto in quel territorio facciano uso del turpiloquio?

Ma che mediazione Laughing
Un dialogo dev'essere credibile prima di tutto, e realistico. Per quanto mi riguarda i dialoghetti moderati e inverosimili sono spazzatura. Punti di vista.

_________________
pluralis maiestatis, lo usano anche i giornalisti!
Sall
Sall
Founder
Founder

Messaggi : 5007
Località : Venezia

http://www.inchiostroepatatine.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Peter Pan il Sab 21 Mag 2011, 20:00

Mhmmm... Il tutto fa troppo Scarface...
Peter Pan
Peter Pan
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 12
Età : 44
Località : Napoli

http://ferraraantonio.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da granchio il Sab 21 Mag 2011, 21:32

Thomas Mann ha scritto:Sì, mio buon Granchio, mi sembra abbastanza chiaro che la prima ipotesi è una autentica porcheria di genere Cannibale, generi di importazione da quegli USA che tanto di buono hanno dato alla nostra misera cultura. La seconda mi sembra una forzatura allo scopo di rendere ridicola agli occhi della precedente stesura. A mio avviso, con una piccola mediazione fra la schifezza e la forzatura ne uscirebbe un testo accettabile. Problema è il punto di incontro.

allora dai, fammi vedere, prova a scrivere la stessa cosa con un linguaggio mediato senza trasformare il tutto in una caricatura. Io non saprei farlo, se tu ci riuscirai e lo farai in modo convincente sono pronto a rimettere tutto in discussione. Aspetto.

_________________
Bisogna vivere bene da vivi perché da morti non si sa.

granchio da Philosopharum crostacei
granchio
granchio
Admin
Admin

Messaggi : 3004
Località : sardegna

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Thomas Mann il Dom 22 Mag 2011, 19:09

@ Granchio

Dai sparagli a questa carogna, è inutile farlo soffrire ancora, vedi che sta buttando sangue come una scrofa scannata, finiscilo, cazzo, sparagli, ti ho detto sparagli."
"Porca puttana certo che gli sparo, nelle chiappe gli sparo, poi gli faccio saltare le palle e poi la testa, quella testa da ebete senza cervello, lo vedi come urla eh? e piange, accidenti, piange, che dice eh, che dice? no no no, no no no, togli quella cazzo di mano dalla faccia, miserabile, ti voglio guardare mentre ti sparo in un occhio..."
"Falla finita, ti ho detto di sparare allo stronzo e chiuderla la, che accidenti gli vuoi fare la predica? Canaglia, ora ti riempiamo di piombo poi cerchiamo tua madre e ce la fottiamo e... tua sorella? Da lei ce lo facciamo succhiare ciascuno per una dose tagliata... ti piace l'idea eh, ti piace brutto finocchio?"
"Uuuuh, bel programmino socio, bel programmino, che dici stronzo? tua madre no? tua sorella cosa?... stai tranquillo sarà un bel servizietto, ora riposa in pace, testa di cazzo!"
BANG

Questa è una possibile versione mediata. Considera che ho impiegato solo pochi minuti per correggerla e che impiegando un po' più di tempo sarebbe ulteriormente migliorabile. C'è da dire che sono prove che non mi appartengono e che qundi io non scriverei mai, tuttavia, una semplice correzione non mi sembra così terribile.
Thomas Mann
Thomas Mann
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 589
Età : 67
Località : Roma

http://www.ilgiardinodizarathustra.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da granchio il Dom 22 Mag 2011, 21:32

Peter Pan ha scritto:Mhmmm... Il tutto fa troppo Scarface...

se parli del primo esempio di quel dialogo immaginario, esatto! se fa troppo scarface, va bene, è proprio ciò che intendevo dimostrare.
Il secondo fa molto walt disney.

_________________
Bisogna vivere bene da vivi perché da morti non si sa.

granchio da Philosopharum crostacei
granchio
granchio
Admin
Admin

Messaggi : 3004
Località : sardegna

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Sabanèl il Dom 22 Mag 2011, 22:22

Scusa Thom, nemmeno io sono un adoratore del turpiloquio, ma "ebete" e "canaglia" in questo contesto mi pare ci stiano veramente come i cavoli a merenda.
Sabanèl
Sabanèl
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 536
Età : 67
Località : intra montes

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da granchio il Lun 23 Mag 2011, 22:25

Sabanèl ha scritto:Scusa Thom, nemmeno io sono un adoratore del turpiloquio, ma "ebete" e "canaglia" in questo contesto mi pare ci stiano veramente come i cavoli a merenda.

concordo con sab, eppure se togli via ebete e canaglia, nella sostanza rimane un dialogo crudo e violento, un po' alleggerito, ma credibile. Se sostituisci "fottiamo" a "inculiamo" non è che risulti molto più adatto a un cinema parrocchiale. Tom, quando parlo uso raramente questi termini e dico poche parolacce, a parte minchia, ma nella scrittura li considero termini utili, o inutili a seconda delle circostanze, e li uso in modo impersonale, senza condizionamenti morali, limiti educativi o barriere poste dal buongusto. La scrittura è un altro mondo, viaggia su latitudini diverse e con regole autonome. Non ho mai sentito, mai, lo potrei giurare, mio padre dire una parolaccia pertanto, per educazione ricevuta, "inculare" non fa parte del mio vocabolario, ti dirò di più, lo trovo un termine oltremodo sgradevole, ma se lo devo scrivere perché in un certo dialogo lo ritengo coerente con quelle corde, ebbene lo scrivo, senza problemi né remore.
Come ho già detto, hai scritto un bel racconto, di argomento forte, si tratta di un incesto, non puoi farlo diventare una bella storia d'amore, almeno non era quella la morale, e allora, perché definire l'organo genitale maschile "stelo"? quel termine va bene se un'insegnante di scuola materna tenta di spiegare il sesso all'infanzia, ma in un racconto dove si consuma un rapporto sessuale blasfemo, innaturale, violento, brutale, devi dire "cazzo" senza vergogna né condizionamenti, perché quello, o simili, è il termine giusto.
Cazzo!

_________________
Bisogna vivere bene da vivi perché da morti non si sa.

granchio da Philosopharum crostacei
granchio
granchio
Admin
Admin

Messaggi : 3004
Località : sardegna

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Sabanèl il Mar 24 Mag 2011, 14:10

Porca puttana Gra, hai fottutamente ragione! Cazzo!!! lol!
Sabanèl
Sabanèl
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 536
Età : 67
Località : intra montes

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da granchio il Mar 24 Mag 2011, 15:08

Sabanèl ha scritto:Porca puttana Gra, hai fottutamente ragione! Cazzo!!! lol!

ahahah

_________________
Bisogna vivere bene da vivi perché da morti non si sa.

granchio da Philosopharum crostacei
granchio
granchio
Admin
Admin

Messaggi : 3004
Località : sardegna

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Momo il Mar 24 Mag 2011, 15:40

Ecco, lo sapevo, adesso vi metterete anche a fare la gara di rutti... Ma l'obiettivo iniziale di questo post non era parlare di IoScrittore? Come abbiamo potuto arrivare a questo?! : Smile
Momo
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 39
Località : Sconosciuta a Google Earth

http://www.senzaombrello.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Thomas Mann il Mar 24 Mag 2011, 16:07

@ Granchio
Apprezzo il tuo pernsiero e lo ritengo degno davvero di considerazione. Come hai potuto vedere... come avete potuto vedere, si può alleggerire la scrittura senza tuttavia rovinare il tono della situazione. Per quanto riguarda l'inevitabilità di certi termini, invece, sebbene siano oramai entrati nel linguaggio comune, ho sempre la sensazione che l'abuso sia frutto della cattiva abitudine, ossia, una volta nei dibattiti televisivi si parlava, ora si urla e ci si parla addosso e sopra; nel dialoghi una volta si cercava di rientrare nei canoni dell'educazione, ora, massacrati dal sottoproletariato Statunitense, si sproloquia e si cafoneggia. Almeno io rimango di questo parere. E poi perché mai devo usare parole volgari quando nella mia educazione non trovo questo tipo di informazione? Solo perché la abusano gli altri? Comunque, sono d'accordo con te quendo dici che in certe situazioni non si può usare un termine diverso senza risultare troppo cicisbeo.
Thomas Mann
Thomas Mann
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 589
Età : 67
Località : Roma

http://www.ilgiardinodizarathustra.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Thomas Mann il Mar 24 Mag 2011, 16:14

@ Momo

Secondo me, viste come vanno le cose in Gems, il rapidissimo degrado dela situazione, sarebbe meglio stendere un velo pietossimo su questo Torneo. Abbiamo analizzato per filo e per segno ogni aspetto, ne abbiamo tracciato i pregi e i difetti, non credo che ci sia bisogno di spendere altre parole, secondo me non ne vale proprio la pena. Archiviamolo tutti sotto la voce "miserie del nostro tempo" e non se ne parli più.
E che il loro Dio li perdoni!
Thomas Mann
Thomas Mann
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 589
Età : 67
Località : Roma

http://www.ilgiardinodizarathustra.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Se il torneo Ioscrittore è una chiavica noi che siamo?

Messaggio Da Jamie Mc Gregor il Mar 24 Mag 2011, 20:50

Ma il mondo è bello perchè è vario o perchè è avariato? Very Happy
Jamie Mc Gregor
Jamie Mc Gregor
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 353
Età : 69
Località : Roma

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it/

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da caspiterina il Gio 26 Mag 2011, 16:02




I miei voti e giudiizi: Shocked

4 Lo spunto narrativo - della giornata ripetuta - anche se non proprio originale, potrebbe consentire uno svolgimento interessante. Al momento però l’incipit disorienta e non viene in aiuto la sinossi fin troppo sintetica. Capisco la necessità di non rovinare la sorpresa, ma qualche chiarimento in più sarebbe stato necessario. L’incipit consiste di parti differenti per storia e soprattutto stile che appaiono staccate tra loro a parte un esile legame che forse s’intuisce alla fine. La seconda parte, la meno riuscita, è un po’ sopra le righe. Non si capisce se l’autrice si diverta a giocare con i paradossi o involontariamente ha inventato una situazione che ha poco di realistico e molto del folle. In più i dialoghi sono banali. Un po’ retorica la prima, insiste troppo sugli sconvolgimenti della donna... Meglio il terzo pezzo. Più “normale” ed anche meglio scritto.

4 Scrivi molto bene ma... la tua storia assomiglia troppo al film "Ricomincio da capo", una commedia del '93 diretta da Harold Ramis. Dubito che il regista abbia preso spunto dal tuo libro.

8 Veramnente un bel romanzo. Ben scritto (a parte qualche leggera sbavatura quale "il cuore balza e si mette a battere all’impazzata." che può essere facilmente limata. La trama è intrigante e l'atmosfera resa rarefatta è ben resa da una accurata scelta delle parole.

9 Ottimi i personaggi che rendono subito l'idea. Curiosa la storia di Augusta (anche i genitori di lei sono perfetti nonostante a loro non siano che riservate poche righe) e ancora di più quella di Ada. Tutto fila senza intoppi, interruzioni o confusione. Sarei molto, ma molto curiosa di leggere il resto e questo è senza dubbio un buon segno.

6 Chiedo scusa all’autore, ma il mio giudizio è purtroppo corrotto dal narcisismo, malattia infantile dello scrittore. Chiedo scusa all’autore, ma il mio giudizio è purtroppo contagiato dal narcisismo, malattia molto diffusa tra gli scriventi. Comunque mi impegnerò a formulare una valutazione il più possibile “obiettiva”. Pertanto esprimerò un giudizio su tutti gli incipit, rispondendo a un’identica serie di domande. Infine stilerò una graduatoria: primo (il migliore), decimo (il peggiore). La valutazione sintetica del primo (non è detto che sia la massima proposta dal concorso), determinerà quella degli altri nove. ... che la forza e la ponderatezza siano con me! E’ un genere che mi piace? Dovrebbe essere una storia ad incastri spazio-temporali. Mi potrebbe interessare. La narrazione è omogenea in ogni sua parte? Parrebbe di sì. Lo stile è gradevole? Abbastanza. Un po’ ingenuo nei dialoghi “drammatici”. Vedi marito ubriaco. L’autrice conosce la materia trattata? Pare sia esperta in profumi e poesia. Non credo sia esperta in malattie mentali. La storia mi ha preso per mano? Abbastanza. La vicenda è verosimile? Una probabile pazzia, un cadavere e un giorno che torna a ripetersi è un tema difficile da gestire. I personaggi sono originali? Quella della protagonista parrebbe di sì. Gli altri personaggi sono un po’ sopra le righe. La lettura è fluida? Abbastanza, soprattutto quella scritta al presente. Qualche pesantezza barocca. Ci sono ingenuità sintattiche? Non ne ho notate. A parte il trattino dei dialoghi. Dall’incipit posso intuire se il finale possa interessare? Una soluzione sorprendente potrebbe rendere la storia gradevole. Da uno a dieci, come giudico questo incipit rispetto agli altri? Il secondo.

7 Un bel romanzo. Una storia drammatica, una specie di thriller psicologico tutto incentrato sulla strana figura di Augusta. Costruito bene, per imprigionare il lettore nella follia della protagonista. La scena iniziale fa pensare alla solita crime story, una sorta di csi all'italiana. Invece l'autore è riuscito a dare un tono di mistero intorno alla storia. Un tocco di horror facendo di Giorgio un'interista, un autore col senso del macabro. Un linguaggio forbito per questo testo che contribuisce a dare valore allo scritto. Un buon inizio, peccato non leggere il seguito.

7 Il nocciolo della storia, la giornata che si ripete, sembra ad una prima occhiata un tema trito e ritrito, eppure il testo si presenta, nonostante alcune ruvidezze e imperfezioni, piuttosto piacevole e avvincente alla lettura. La narrazione è abbastanza coesa e l'intreccio ingolosisce il lettore, anche se spesso la suspance viene sgonfiata dalla anticipazione didascalica del fatto che la giornata si ripeterà. Si tratta però di ingenuità che possono essere facilmente sistemate in fase di editing, così come alcune sviste sintattiche e nella consecutio temporum. Alcune espressioni e descrizioni si presentano eccessivamente grezze, ma complessivamente si arriva alla fine dell'anticipazione con la voglia di andare avanti, di saperne di più. Soprattutto la storia parallela di Augusta accende la curiosità. Bisognerebbe assicurarsi che la storia tenga fino alla fine, perché il rischio di scadere nella ripetitività e nell'assenza di pathos è dietro l'angolo. I presupposti di riuscita ci sono, la voce narrante è ben viva, ben caratterizzata, ci sono gustosissime stoccate di ironia da non sottovalutare e l'utilizzo di un linguaggio abbastanza ricco e strutturato.

4 Prosa alquanto slegata e superficiale. Sintassi non dovutamente selezionate con riferimenti in contraddizione fra di loro. "IL CORPO ..(dopo una caduta da parecchi metri?) ... RANNICCHIATO A PANCIA IN GIU'...DISTESO...SDRAIATO..." "SI SVESTI' CON GESTI ANTICHI" ecc. Il racconto sembra poi virari in una sorta di rivisitazione del romanzo - "Il profumo" - di Suskind

4 Dall'incipit, si direbbe un racconto psicologico (confesso, all'inizio speravo fosse un giallo). Comunque le lunghe tetre narrazioni delle umane disgrazie che occorrono a una donna (con una certa vena di follia) e alla sua piccola famiglia sono strettamente intrecciate a una profusione di dati e di precise informazioni sugli eventi che farebbero la gioia di qualsiasi coscienzioso magistrato inquirente. (E se fosse davvero un giallo?).


caspiterina
caspiterina
Admin
Admin

Messaggi : 4537

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da tormento il Gio 26 Mag 2011, 16:07

caspiterina ha scritto:"SI SVESTI' CON GESTI ANTICHI"
Hai veramente scritto "si svesti' con gesti antichi" ?!
tormento
tormento
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1111
Età : 36
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Sabanèl il Gio 26 Mag 2011, 22:48

@Momo
cosa!!?? Non ti permettere mai più di apostrofarmi in tal guisa! La gara di rutti poi! A me?!!!?
Quasi quasi mi riprendo il sorbo...
Sabanèl
Sabanèl
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 536
Età : 67
Località : intra montes

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Sabanèl il Gio 26 Mag 2011, 22:56

@Casp
mia cara, visto il tenore dei quattro "4", assai poco convincenti per motivi diversi, direi che puoi essere più che soddisfatta! Se pensi con quali titubanze avevi iniziato a scriverlo...
Magari se me lo regali.... ti aggiungo anche il mio "3" !! Razz Razz
Sabanèl
Sabanèl
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 536
Età : 67
Località : intra montes

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da ale il Ven 27 Mag 2011, 08:52

@Caspiterina. Insomma i giudizi sono perlomeno argomentati. Mi sembra un bel miglioramento rispetto all'anno scorso. Mi è piaciuto in particolare quello che ti ha fatto una sorta di tabella di domande e risposte, valida per tutti i suoi incipit. Mi è sembrata una persona che ci si è dedicata con impegno e un tentativo di obiettività. Facessero tutti così verrebbe davvero la pena di partecipare. Forse Gems dovrebbe fornire una tabella da riempire di questo tipo, per chiarire le idee ai 'lettori'...
Certo i 4 sono evidentemente immeritati, ma ormai si sa quello cui si va incontro a partecipare, no?
ale
ale
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1299
Località : spostata

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Momo il Ven 27 Mag 2011, 14:58

Eccomi qui!
@caspiterina: di buono c'è che tutti hanno scritto almeno qualche riga (cosa non sempre successa l'anno scorso). Di meno buono c'è, da parte di alcuni, una certa tendenza alla superficialità. Cosa significa "questo romanzo assomiglia a un altro romanzo / film e quindi non ha valore"? La fantasia umana è rigogliosa ma molto spesso si trovano situazioni, dinamiche, caratteri ricorrenti, senza che ciò significhi che un autore ha "copiato" da un altro. Ciò che conta, a mio parere, è il modo personale di trattarle. L'incipit che ho preferito in questa tornata mi ricordava un film piuttosto conosciuto, ma era ben scritto, ben sviluppato e mi emozionava - non sembrava certo "fotocopiato", quindi non mi è sembrato giusto penalizzarlo.
Sono d'accordo con Ale: simpatico, e onesto, quello che si è posto tutte quelle domande. magari non possiamo pretendere che tutti ci capiscano, ma almeno di vedere che chi ci ha letti si è impegnato...
Momo
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 39
Località : Sconosciuta a Google Earth

http://www.senzaombrello.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Momo il Ven 27 Mag 2011, 15:01

Ecco i miei:
6 E' questa una storia intimista, nella quale l'autrice riversa ciò che sente il suo cuore di momento in momento, quel cuore che di fronte a cose o fatti della vita si carica “di emozione, come se fosse una spugna che può assorbire all'infinito amore o qualsiasi cosa sia” Una storia delicata, narrata quasi sottovoce, come a non voler turbare il lettore, nel farlo partecipe di quelle emozioni. Un tono elegiaco aleggia nelle pagine che scorrono leggere, talvolta tratti dolorosi intervengono, talvolta irrompe qualche ribellione, dell'ironia e qualche tratto umoristico si affacciano qua e là, ma da tutto lo svolgersi del racconto si avverte un desiderio, forse inconsapevole, di scoprirsi l'anima, metterla a nudo, magari più per se stessa che per gli altri. Lo stile narrativo è piano, qualche ingenuità giovanile si affaccia ogni tanto, ma a poco a poco sembra prendere il via nella protagonista, pagina dopo pagina, una personalità meno sommessa, più marcata. Il lettore sente, e le poche note finali della sinossi sembrano suggerirglielo, come il percorso di Irene terminerà: sarà finalmente farfalla e volerà libera e consapevole, avendo imparato “la gioia di fiorire”. Anche se dalle poche pagine dell'incipit si ha l'impressione di una storia minimalista, l'impianto narrativo, liberato da qualche ingenuità e rafforzato, potrebbe rendere all'opera una consistenza letteraria.
6 Prosa delicata e tenera, capace di suggestioni, anche se tendente all’idilliaco e un po’ dispersiva. Argomento esile, ma presentato con garbo. La definizione dei personaggi non è sempre efficace, anche se non mancano momenti felicemente riusciti, presumibilmente quelli biograficamente più autentici (i compagni di scuola). Però la narrazione, seguendo l’onda incostante di un’ispirazione poco organizzata, fatica a trovare un percorso preciso. L’autoritratto della voce narrante, all'inizio leggermente autoindulgente, sa riscattarsi con simpatica ironia. Nel suo complesso, un discreto esercizio d’esordio, in attesa di esperienze di vita più significative e urgenze narrative più profonde e sentite.
6 Sarà che non è propriamente il mio genere, e di questo ne voglio tenere conto, ma la parte meno noiosa è rappresentata dalle frasi in dialetto trentino, dato che pure io lo sono. Nel complesso la scrittura è fluida e consapevole, anche se la scelta di alcuni vocaboli arcaici e poco usati al giorno d’oggi, fa perdere smalto alla narrazione. Alcune riflessioni sono interessanti e accendono la mente del lettore, catturandone l’attenzione. Ma sono veramente poche, perché nel complesso trovo la trama alquanto noiosa e scontata. Volevo dare cinque, ma poi ho pensato che non è il mio genere, quindi perché dare voti negativi ad un romanzo che io non apprezzo ma che magari altri lo faranno? Volevo anche dare sette, giusto per favorire uno scrittore della porta accanto, magari che abita pure vicino a me. Alla fine propendo per la salomonica e proverbiale via di mezzo.
5 «In quel momento vedo un uomo magro che scende dalle scale del liceo. È un bell’uomo, con gli occhi grandi del figlio ma più dolenti - gli occhi di un adulto». Sarebbe l’inizio di una vera storia d’amore. Purtroppo, il prof dal sorriso fotovoltaico è solo un dettaglio. Libere scorribande nella memoria - il funerale del nonno che lascia alla protagonista un monolocale, i misteriosi attentati a Trento, i pianti insensati con l’amica, il bambino che strizza le palle del bullo liceale e l’idea del giornale di classe - lasciano aperto a tutto, tranne che a una trama coerente, un contesto dove la giovane voce narrante di Irene esonda, infierendo sul lettore come un’aquila sul topolino.
7 Carino, molto poetico sia per il rapporto con i fiori e il loro linguaggio che per il cercare anima e cuore anche in un momento storico che di sentimentale aveva poco. Sarà il richiamo a un film cult come l’attimo fuggente, ma fa sognare di poter partecipare ad una di quelle riunioni. Mi piace vedere nella gioventù quella rarità di una ricerca interiore più profonda dei normali interessi materiali con cui viene dipinta. Silenziosa e appena accennata l’intesa con il professore, potrebbe nascere una storia importante. Mi va di leggere il resto !
6 Spererei di aumentare il mio voto nel proseguo della storia, se ci fosse la possibilità...ma l'incipit ancora non mi ha reso partecipe o curiosa di diventare una protagonista.( per me un buon romanzo dovrebbe spingermi ad entrare come fossi anch'io una di loro.) Comunque devo dare un parere positivo per come è scritto,suggestive e belle le frasi usate. Diario complesso e perciò ancora non al pieno di fatti che lo rendono difficile da lasciare...come dovrebbe essere un buon romanzo, ma la sufficienza che concedo può aumentare... nel resto della storia
7 Romanzo introspettivo buono nella trama e nella narrazione. Anche se non è il mio genere...forse troppo introspettivo per poter interessare. Forse troppo autobiografico, per cui la voce narrante fatica a sviluppare una storia e a trasmettere le emozioni ad essa legate anche al lettore.
6 La distanza tra narratrice ed autrice sembra così minima che l'incipit non sembra avere un significativo valore letterario. Ci si chiede come possa proseguire e se la distanza possa aumentare fino a spingersi e spingerci verso una vera narrazione. A tratti godibile.
8 Buona scrittura, coinvolgente e scorrevole. La trama, per quanto non particolarmente elaborata e ricercata, tiene viva l'attenzione. Lessico certe volte improprio, certe altre invece ricco. Un libro che, dopo aver letto l'incipit, ti viene voglia di proseguire.
Momo
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 39
Località : Sconosciuta a Google Earth

http://www.senzaombrello.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Momo il Ven 27 Mag 2011, 15:05

E, per chi ha voglia di leggerseli, per un confronto, quelli dell'anno scorso (sull'incipit dello stesso romanzo, ma un po' più corto).

Molto personale, si entra sin dalle prime righe nel sentire dell'autrice in modo intimo e con un gradevole senso di prossimità che incuriosisce, come per conoscerla meglio. Quasi che non fosse scritto per essere letto ma per macare il territorio dei ricordi, bello e scorrevole anche nella forma. 9

La protagonista parla in prima persona, ed è una donna inquieta e sognatrice, amante della sua indipendenza e libertà. Il suo animo spumeggiante è in contrasto con la sonnolenza provinciale dell'ambiente in cui vive, che sembra, al tempo stesso, annoiarla e soddisfarla. Il profilo della protagonista non è privo di fascino, come non lo è quello del nonno fioraio e del fratello liceale. Non manca una certa ironia che a volte ci fa sorridere. 7

non è il mio genere ma trovo lo stile molto raffinato. il personaggio di Irene è ben delineato. potrebbe piacere a un certo tipo di pubblico, tipo la mia ragazza. a questo proposito vi lascio anche i suo voto: 7. 6

L'autrice ci racconta una storia narrata dalla voce della protagonista Irene. Dagli insegnamenti del nonno scomparso, Irene prende spunto per raccontare la sua vita e i problemi di un presente al quale appartengono altri personaggi che le ruotano intorno.Il racconto mi risulta però un pò forzato e banale da non incuriosirmi nel proseguirne la lettura.Sufficienti lo stile e la forma. 6

Non male, anche se difficile da valutare solo dall'incipit. Esoterico e visionario, e per questo non comprensibile fino in fondo, ma con spunti interessanti e originali. Bello il richiamo alla natura, importante il tema delle amicizie non convenzionali. Scrittura fluente e corretta. Resta il punto di capire dove vuole arrivare, cosa voglia significare. 6

Ottima la forma a parte qualche piccolo errore di punteggiatura. Scorrevole la lettura, buone le descrizioni e le caratterizzazioni dei personaggi. La trama sembra promettere bene. 9

opera di scarso valore,piuttosto confusa e noiosa 4

L'io narrante si racconta in prima persona in modo coinvolgente e la lettura, si svolge con compiaciuta musicalità. Si entra con delicatezza nell'intimo dello svolgersi della vita di provincia e di chi vive con la passione per i luoghi e per ciò che la natura regala, in contrasto con gli orrori degli attentati che oscurano la vita e la speranza. La semplicità con la quale questo incipit è narrato lo rende ancor più bello e poetico. Mi ha emozionato, ho visto i luoghi, ho sentito il profumo dei fiori e il dolore della perdita. 8

lo so sembrerebbe esagerato per un romanzo che appare troppo autobiografico e costretto nell'inizio in un rincorrere le motivazioni per le quali c'è urgenza di esistere del manoscritto stesso. Ma l'inizio è bellissimo, poche righe di una semplicità e poetica incredibili ed immediate e poi la ricerca-racconto del perché-inizio della storiasono assolutamente inevitabili. 9

Non so… da questo inizio si capisce poco. C’è mescolanza di tempi e di spazi, ma potrebbe essere funzionale. La scrittura è curata, intima, giocata tra chiari e scuri, frasi ad effetto e piccole cadute di stile. So che piace ad un certo pubblico, in particolar modo femminile. C’è impegno e ricerca. A me frasi del tipo “impregnandomi il cuore di emozione, come se fosse una spugna che può assorbire all'infinito amore” oppure “il bisogno di scrivere era come lava nelle vene” più che altro infastidiscono. De gustibus. 6

Già la parte che comincia con 'sera' fa un passo, e forse ne fa un altro il secondo, dal momento che l'incipit finisce con l'annuncio dell'inizio della storia. Le informazioni messe avanti in questa premessa sono poco utili e poco interessanti. Lo stile saltabecca tra idee originali a tutti i costi (la voglia di scrivere come lava nelle vene, l'intenzione di bersi gli scolari che escono dal liceo). Al centro di tutto sta un'io con troppo bisogno di esibirsi per occuparsi della scrittura. 4
Momo
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 39
Località : Sconosciuta a Google Earth

http://www.senzaombrello.it

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Aspide il Mer 01 Giu 2011, 10:22

Io i miei commenti non ve li posto per i seguenti motivi:
a) qualcuno fa ridere i polli;
b) qualcuno è disonesto e mi ha fatto incazzare come una matta;
c) non è possibile che ci sia chi dica che sente "il disperato bisogno di continuare a leggere" e chi, invece, dice che trattasi di schifezza, da riscrivere perché piena di errori (non è vero. GLi era pure stato fatto l'editing).
Gems mi ha chiesto di fare il lettore, è successo alcuni giorni fa, ma non avevo realizzato per via dell'incidente. Vorrei rispondere di sì, se non altro per curiosità. Ma se poi divento acida come Thomas? O vado via di testa come Ercole? Shocked
Chi mi dà una mano?
Aspide
Aspide
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1953
Località : Montagne appenniniche

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da granchio il Mer 01 Giu 2011, 13:01

Aspide ha scritto:Io i miei commenti non ve li posto per i seguenti motivi:
a) qualcuno fa ridere i polli;
b) qualcuno è disonesto e mi ha fatto incazzare come una matta;
c) non è possibile che ci sia chi dica che sente "il disperato bisogno di continuare a leggere" e chi, invece, dice che trattasi di schifezza, da riscrivere perché piena di errori (non è vero. GLi era pure stato fatto l'editing).
Gems mi ha chiesto di fare il lettore, è successo alcuni giorni fa, ma non avevo realizzato per via dell'incidente. Vorrei rispondere di sì, se non altro per curiosità. Ma se poi divento acida come Thomas? O vado via di testa come Ercole? Shocked
Chi mi dà una mano?

asp, l'unica cosa che posso dirti è che l'anno scorso gems mi ha chiesto di fare il lettore e non ho accettato

_________________
Bisogna vivere bene da vivi perché da morti non si sa.

granchio da Philosopharum crostacei
granchio
granchio
Admin
Admin

Messaggi : 3004
Località : sardegna

Torna in alto Andare in basso

[I&P]  Blog  per IoScrittore 2011 - Pagina 11 Empty Re: [I&P] Blog per IoScrittore 2011

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 11 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... , 10, 11, 12  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.