Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Poesia al maschile

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Poesia al maschile - Pagina 2 Empty Re: Poesia al maschile

Messaggio Da nick mano fredda il Mar 25 Set 2012, 22:52

Belli - L’elezzione nova

Disce che un anno o ddua prima der Monno
morze ne la scittà de Trappolajja
pe un ciamorro pijjato a una bbattajja
er Re de sorci Rosichèo Siconno.

Seppellito che ffu dda la sorcajja
sott’a un zasso de cascio tonno tonno,
settanta sorche vecchie se serronno
pe ffanne un antro, in un casson de pajja.

Tre mmesi ereno ggià da tutto questo,
e li sorcetti attorno a cquer cassone
s’affollaveno a ddí: «Ffamo un po’ ppresto»,

quant’ecchete da un búscio essce un zorcone
che strilla: «Abbemus Divoríno Sesto».
E li sorci deggiú: «Vviva er padrone!».

18 dicembre 1834

nick mano fredda
nick mano fredda
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 990
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Poesia al maschile - Pagina 2 Empty Re: Poesia al maschile

Messaggio Da Aspide il Mer 26 Set 2012, 09:44

Non mi dire che già conosceva il consiglio regionale del Lazio!
Ma non credo che quello dell'Umbria sia poi tanto diverso. Ci hanno aumentato i tiket sanitari del 30%, ma lo stipendio loro, se lo saranno diminuito del 30%? Question
Non credo proprio scratch
Aspide
Aspide
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1953
Località : Montagne appenniniche

Torna in alto Andare in basso

Poesia al maschile - Pagina 2 Empty Re: Poesia al maschile

Messaggio Da nick mano fredda il Gio 27 Set 2012, 22:58

Eh sì, sapeva già tutto:


Nissuno è ccontento

Che nnova sc’è? nnun te l’avevo detto?
Nun zò ancora le bbujje (1) terminate,
c’ariecchete st’antre chiacchierate
contro de sto governo poveretto.

Nun potenno ppiù avé cquadrini in Ghetto,
pe ppareggià l’introito co l’entrate
voleveno aristrigne le mesate;
e ttutti s’arivorteno ar proggetto!

E ddisceveno jjeri scerti tali:
«Perché a nnoantri soli sto bber fatto,
e sse pagheno poi li cardinali?».

Ma cchi pparla a sto modo è un cazzo-matto;
e averíano d’intenne st’animali
che cquella llí nun è mmesata: è ppiatto. (2)

Roma, 28 novembre 1832

1 Romori liberali dell’anno 1831. 2 Nome della paga cardinalizia.




Le raggione der Cardinale mio

Calacce er piatto (1) a nnoi?! parli pe ggioco:
me dichi bbuggiarate co la pala.
Calacce er piatto a nnoi?! Si cce se cala,
manco mettemo ppiú la pila ar foco.

Pe ssei cavalli e ttre ccarrozze in gala,
già er quattromila-e-ccinquescento (2) è ppoco:
poi metti un po’ ssei servitori in zala,
un caudatario, un coco e un zottococo:

sguattero, cappellano, cammeriere,
mastro de scirimonie, cavarcante,
cucchiere, credenziere e ddispenziere:

metti er vestiario, e un pranzarello annante
de tre pportate come vò er mestiere;
che cce resta pe ddà a la governante?

Roma, 29 novembre 1832 - Der medemo

1 Allude alla voce corsa in novembre 1832, che fra le riforme economiche dello Stato, dovesse entrare una diminuzione di stipendio. 2 Attuale piatto de’ Cardinali. Sino a tutto il pontificato di Pio VIII era di scudi 4000 annui. Gregorio XVI lo accrebbe di scudi 500, per patto, come si vuole, stretto fra i Cardinali in conclave, qual condizione simoniaca della novella elezione.



E poi un classico:


Li soprani der Monno vecchio

C’era una vorta un Re cche ddar palazzo
mannò ffora a li popoli st’editto:
«Io sò io, e vvoi nun zete un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve a ttutti a un tant’er mazzo:
Io, si vve fo impiccà nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o dde Papa, o dde Re, o dd’Imperatore,
quello nun pò avé mmai vosce in capitolo».

Co st’editto annò er Boja pe ccuriero,
interroganno tutti in zur tenore;
e arisposeno tutti: «È vvero, è vvero».

21 gennaio 1832 - De Pepp’er tosto

nick mano fredda
nick mano fredda
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 990
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Poesia al maschile - Pagina 2 Empty Re: Poesia al maschile

Messaggio Da nick mano fredda il Lun 07 Ott 2013, 22:24

Trilussa - Er serrajo


Er comizzio

Un Leone rinchiuso in una gabbia,
in der vedé da un finestrino aperto
er celo e er mare, aripensò ar deserto
e ar tempo che sdrajato su la sabbia
liberamente, senza tante noje,
passava le giornate co' la moje.

E ripensò ar tramonto: quanno pare
che er sole, rosso rosso come er foco,
scivoli giù dar celo e a poco a poco
finisce che se smorza drento ar mare.
Pe' chi patisce de malinconia
questa è l'ora più peggio che ce sia!

— Ero libbero, allora! Ero felice!
— barbottava scocciato. — E mó bisogna
che stia rinchiuso e faccia la carogna
sotto le granfie d'una Domatrice,
che specula su tutto e che se serve
puro de la ferocia de le berve!

Se me volesse veramente bene
nun me farebbe fa' tante sciocchezze
a furia de bacetti, de carezze,
d'allisciamenti e de tant'artre scene!
La solita politica! D'artronne
questo è er vecchio sistema de le donne.

Er Domatore? È peggio! Io solamente
conosco la ferocia der cristiano
quanno m'insegna co' la frusta in mano
a sfonnà er cerchio e a salutà la gente:
«Oplà! Nerone! Un altro salto! Alé!...»
Bella maniera de trattà li Re!

Ho detto Re, purtroppo! ma oramai
m'accorgo che divento piano piano
sovrano come er popolo sovrano
che viceversa nun commanna mai.
Guai se nun faccio quer che vonno loro!
Guai se m'impunto! Guai se nun lavoro!

Tra l'antre cose ha scritto sur programma
che un giorno ho divorato un domatore!
No, nun è vero affatto! È un impostore!
Lo possino ammazzallo in braccio a mamma!
È 'na reclame che se fa 'sto micco
pe' venne più bijetti e fasse ricco.

E in questo nun ce sta la convenienza!
Fintanto che le fiere serviranno
a fa' guadagnà l'ommini, saranno
come le fiere... de beneficenza.
È un'infamia! un sopruso! una vergogna!
Bisogna fa' 'no sciopero, bisogna! —

Una Scimmia che intese 'sto discorso
je disse: — Ma perché nun fai in maniera
de fa' un complotto assieme a la Pantera,
a la Jena, a la Tigre, ar Lupo e all'Orso?
Perché nun cerchi de riavé la stima,
l'indipennenza che ciavevi prima?

Tu che sei Re, padrone d'un deserto,
co' quer nome che ciai, nun t'hai da mette
a fa' li giochi e a fa' le pirolette
come un artista de caffè-concerto,
come un vecchio pajaccio de mestiere...
Che speri? d'esse fatto cavajere?

No, amico, qui è questione d'amor propio;
finché 'ste buffonate le fo io
che so' una Scimmia, è er naturale mio:
vedo un omo, lo studio e lo ricopio;
lo ricopio e pe' questo so' sicura
de facce 'na bruttissima figura.

E lo stesso succede ar Pappagallo,
che ammalappena sente 'na parola
che dice un omo, je s'incastra in gola
e se spreme e se sforza pe' rifallo...
Discorre come lui, ma nun c'è ucello
più scocciante e più stupido de quello! —

E siccome la Scimmia, da la rabbia,
aveva arzato un po' de più la voce,
tutte quell'antre bestie più feroce
fecero capoccella da la gabbia:
— Bene! Brava! — strillaveno — Ha raggione!
Viva la libbertà! Morte ar padrone!

— Zitti! — disse er Leone che capiva
che quello era er momento più propizzio
pe' pijà la parola e fa' er comizzio —
È inutile che dite abbasso o evviva:
le ribbejone fatte co' li strilli
se rimetteno ar posto co' tre squilli.

Bisogna fa' sur serio e arivortasse
contro 'sto sfruttatore propotente!
E questo l'otterremo solamente
co' l'organizzazzione de la Classe:
ammalappena se saremo uniti
co' le bestie de tutti li partiti!

Ma prima ch'incominci la battaja,
se fra de voi ce fusse un animale
che pe' quarche raggione personale
vô restà sottomesso a 'sta canaja,
che se faccia escì er fiato, parli avanti,
senza che poi ciriòli come tanti —

Un Ciuccio, che ciaveva l'incombenza
de porta la carnaccia ner Serrajo,
capì er latino, e disse con un rajo
che aveva già perduta la pazzienza:
— Io — fece — sarò er primo a daje addosso!
Lo possino scannallo a mare rosso!

Io, doppo tutto, so' lavoratore,
fatico, soffro assai, ma quer bojaccia
come m'aricompensa? A carci in faccia!
In che modo me paga? cór tortore!
Poi m'ammazza e me scortica, pe' via
che fa er tamburo co' la pelle mia!

Defatti, certe sere, quanno sento
er "rataplan" che fanno li sordati,
ripenso a li somari scorticati
che so' serviti a tutto er reggimento...
Sarò pazziente, sì: ma nun sopporto
che me la soni puro doppo morto!

Per cui m'associo ne la ribbejone:
ma prima vojo avé la sicurezza
che me levate er basto e la capezza:
se qui se tratta de trovà un padrone
che me la crocchia come quelo vecchio,
resto co' questo e bona notte ar secchio! —

La Lupa disse: — E io ch'ho dato er latte
ar primo Re de Roma? È pe' via mia
se bene o male c'è la monarchia:
ma l'Omo, invece, quante me n'ha fatte?!
M'ha chiuso in gabbia e ha messo fòra er detto
che magno come un lupo! Ber rispetto!

Doveva avé un riguardo pe' la balia
der primo Re che fece Roma! E invece...
— Ma questo — disse l'Orso — nun fa spece!
Puro quelli che fecero l'Italia
mó campeno sonanno l'orghenetto
co' le ferite e le medaje in petto!

— Io, — disse allora er Cane — nu' lo nego,
je so' fedele, affezzionato... e come!
je so' amico davero! Ma siccome
me tratta come un cane, me ne frego
de pijamme li carci da 'st'ingrato!
M'arivorto pur'io! Mor'ammazzato!

— E farai bene! —j'arispose er Gatto —
Io che so' 'n animale indipennente
m'affezziono a la casa solamente,
ma no ar padrone che nu' stimo affatto;
o monarchico o prete o socialista,
l'Omo è stato e sarà sempre egoista.

— E io — disse la Tigre — ciò er dolore
che lui me paragoni e me confonna
er core mio cór core de la donna
ch'ammazza er fijo pe' sarvà l'onore!
So' una tigre, è verissimo, ma io
nun assassino mica er sangue mio!

— Nun posso fa' la rivoluzzionaria
perché so' la reggina de l'ucelli;
— strillò l'Aquila nera — io, come quelli
che stanno in arto e viveno per aria,
vedo le cose sempre tale e quale...
— Purtroppo! — disse l'Orso — Questo è er male!

In arto nun se sentono li lagni,
in arto nun se vedeno le pene,
da quel'artezza lì, tutto va bene!
Poveri e ricchi, tutti so' compagni!
Bisogna scegne pe' conosce a fonno
tutte le birbonate de 'sto monno!

— Che diavolo volete che m'importi
— barbottava la Jena clericale —
dell'Omo e der benessere sociale?
Io vivo solamente su li morti,
e a chi me dice: io soffro, j'arisponno
che la felicità sta all'antro monno. —

Un povero Majale ammaestrato,
che spesso entrava in gabbia cór Leone
pe' fa' convince er pubbrico cojone
ch'er Re de la Foresta era domato,
se fece escì un rumore da la gola,
domannò scusa e prese la parola:

— L'idea de 'st'uguajanza nun pô regge.
Voi direte ch'io pijo le difese
de la moderna società borghese
che me stima, m'ingrassa e me protegge,
e che, co' la scusante der preciutto,
permette che me ficchi da per tutto.

Nun è pe' questo. Io dico: se domani
viè ammessa l'uguajanza, diventate
tutti compagni, sì: ma nun pensate
ch'er cane vorrà vede tutti cani,
er sorcio vorrà vede tutti sorci,
e io, questo s'intenne, tutti porci!

— Io benedico l'Antenato mio
— fischiò er Serpente — che minchionò l'Omo
quanno je disse che magnanno er pomo
sarebbe diventato eguale a Dio.
L'Omo, sempre ambizzioso e interessato,
lo prese e ciarimase buggerato.

Ma lui che cià le scuse sempre pronte,
quanno Iddio, pe' punillo der peccato,
je disse che se fusse guadagnato
er pane cór sudore de la fronte,
fece l'occhietto e disse a la compagna:
«Se nun trovi chi suda nun se magna!»

Apposta c'è chi resta a bocca asciutta
e chi magna pe' quattro: ar proletario,
che suda assai, j'amanca er necessario,
mentre, invece, er padrone che lo sfrutta
senza sversà una goccia de sudore,
magna, fuma, s'intoppa [s'ubriaca] e fa er signore.

— Questo è er vero peccato origginale!
— strillava er Coccodrillo socialista —
Morte a la borghesia capitalista!
Evviva la repubbrica sociale!
Evviva... — E chi lo sa ch'avrebbe detto
se nun se fusse inteso un orghenetto.

Era l'avvisatore che sonava
una marcia qualunque, solamente
pe' ridunà più pubbrico, e la gente,
chiamata dar motivo, c'imboccava.
— Zitti e a stasera! — disse la Pantera.
E tutti j'arisposero: — A stasera!




La ribbejone

E la sera, defatti, ammalappena
ch'er Domatore esciva co' la Moje,
er Pappagallo, libbero, annò a scioje
la Scimmia che ciaveva la catena:
la Scimmia, sverta, aprì le gabbie e allora
tutte le bestie vennero de fòra.

— Ah! finarmente semo tutti uguali!
— strillò la Scimmia — Adesso, finarmente,
potremo mette a posto un propotente
che crede d'esse er Re de l'animali!
Già, lui se dà 'sto titolo perché
è er più animale e crede d'esse er Re!

Dovrebbe ricordasselo che Dio
lo fece co' la fanga e doppo noi:
doppo le bestie! E c'è chi dice poi
che sia venuto da un abborto mio...
Comunque sia, la cosa ve dimostra
la precedenza de la classe nostra!

Ma mó toccherà a loro a stacce sotto:
tutte l'infamie, tutti li soprusi
che cianno fatto cór tenecce chiusi
pe' tanto tempo drento a un bussolotto,
l'hanno da scontà tutti! E la vendetta
sarà feroce! Chi la fa l'aspetta!

Le bojerie che cianno fatto a noi
le rifaremo tanto a lei che a lui,
perché "odia micchi"...[hodie mihi, oggi a me...] eccetera: per cui
io ve farò la spiegazzione, e voi
ve metterete tutti quanti a sede
come la gente che ce stava a vede. —

Fu accusì ch'er Serrajo cambiò scena;
ossia successe questo: ch'er Padrone
fu messo ne la gabbia der Leone,
la Moje ne la gabbia de la Jena:
mentre la Scimmia — sempre lei! — faceva
la spiegazzione ar pubbrico e diceva:

— Questo vero fenomeno vivente
che vado a presentarglie è un Omo umano;
nun so se sia cattolico o cristiano,
protestante o giudìo, ma nun fa gnente:
ché, de qualunque religgione è nato,
biastima sempre er Dio che l'ha creato.

Si cibba d'ogni sorta d'animali,
ma a preferenza vô le carne tenere:
ucelli, polli, pesci d'ogni genere,
e vacche, e bovi, e pecore, e majali;
l'antre bestie le lascia: o so' cattive
o je fanno più commodo da vive.

Spece co' le galline è più feroce:
le strozza, poi le scanna cór cortello,
je strappa er core, er fegheto, er cervello,
le budella, er grecile e se li coce;
questa, che pe' nojantri è una barbaria,
a sentì lui diventa culinaria!

Ma nun ve faccia spece: l'Omo umano
dice ch'è un animale raggionevole,
ma nun raggiona mai; de rimarchevole
nun cià che la parola: è un ciarlatano;
tiè quarche vizzio, in quanto ar resto poi
gira e riggira è tale e quale a noi.

Cià, è vero, una coscenza internamente
ch'è 'na spece de voce misteriosa
che lo consija o no de fa' una cosa,
ma certe vorte nun je serve a gnente:
tanto che pe' distingue er bene o er male
ha bisogno der Codice Penale.

Puro l'onore è un sentimento interno
che se ne serve spesso quanno giura:
l'addopra per principio o per paura
d'annà in galera o de finì a l'inferno.
Senza che parli de quell'antro onore
ch'è 'na specialità de le signore.

Vive co' li quatrini: lui, che pare
er padrone der monno e che s'è imposto
co' la raggione e ha preso er primo posto
sopra le bestie de terra e de mare,
senza sordi in saccoccia è un omo morto,
co' tutta la raggione ha sempre torto!

Li quatrini so' come li dolori,
chi ce l'ha se li tiè: pe' questi l'ommini
se so' divisi in ladri e in galantommini,
se so' divisi in poveri e signori,
schiavi e padroni, vittime e strozzini...
sempre pe' 'st'ammazzati de quatrini!

Comincia a fa' lo scemo co' la Donna
quann'entra ne l'età de la raggione;
ognuna che ne vede è una passione:
o sia magra o sia grassa, o bruna o bionna,
nu' je n'importa: abbasta che ce sia
la cosiddetta "certa simpatia".

L'Omo, ner fa' l'amore, è più ideale:
lo scopo è quello nostro, se capisce:
ma lui cià più maniera e lo condisce
co' quarche porcheria sentimentale
e co' 'na mucchia de parole belle
che però, su per giù, so' sempre quelle.

La Femmina per solito lo fa
per vizzio, per ripicca, per prudenza,
per ambizzione, per riconoscenza,
per interesse, per curiosità,
per un momento de cattivo umore
e, quarche vorta, puro per amore...

Se è pe' vizzio, se butta a corpo morto,
s'attacca all'omo e je ne fa fa' tante;
pe' ripicca lo fa quanno l'amante
o er marito che sia j'ha fatto un torto;
— Giacché lui va co' lei, — dice — pur'io
lo vojo fa' co' quarche amico mio. —

Se un amico de casa l'ha veduta
entrà co' quarchiduno in quarche sito,
lei pensa: «E se lo dice a mi' marito?
se facesse la spia? Sarei perduta!
Dunque... bisognerà... Ce vô pazzienza...»
E in de 'sto caso aggisce pe' prudenza.

Cede per ambizzione se cià intorno
quarchiduno che sta sur cannejere [che sta in auge],
perché la donna prova un gran piacere
de potè di' che cià l'omo der giorno;
però badate: è un genere d'amore
che dura su per giù, ventiquattr'ore.

Lo fa per gratitudine la donna
che se deve levà 'n'obbrigazzione:
e in de 'sto caso pija la passione
come facesse un voto a la Madonna;
— Nun me va, — dice lei — ma come faccio?
È stato tanto bono, poveraccio! —

Se c'è de mezzo l'interesse... eh, allora
nun sta a guardà se l'omo è bello o brutto,
giovene o vecchio... passa sopra a tutto,
basta che a l'occasione cacci fòra
er portafojo... E su 'sto tasto adesso
ve dirò un fattarello ch'è successo.

'Na sera 'no Scimmiotto ammaestrato,
che lavorava in un caffè-concerto,
aveva visto er cammerino aperto
der buffo macchiettista e c'era entrato
cór pensiero de fa' 'na bojeria
a una cantante de la compagnia.

E sapete che fece? s'incarcò
la bomba in testa, s'infilò un vestiario,
rubbò ducento lire a l'impresario,
uscì dar parcoscenico e aspettò.
Ammalappena vidde una cantante
j'agnede incontro e je ne fece tante.

L'invitò d'annà a cena, ma la Stella
lo riconobbe e disse: — Nun sia mai!
Va' via! Fai schifo! Fai ribbrezzo, fai!
Venì a cena co' te? Sarebbe bella!
Me pare de peccà contro natura
con una bestia simile! Ho paura! —

Ma quanno lo Scimmiotto, ch'era pratico,
je fece vede er pacco de bajocchi,
lei cambiò tono, lo guardò nell'occhi
e disse: — Doppo tutto sei simpatico...
Nun so... ma ciai un profilo interessante... —
E agnede difìlata al ristorante!

Questo pe' l'interesse; poi succede
che, spesso, una regazza se marita
sortanto co' l'idea de cambia vita,
e se ne va cór primo che la chiede.
— Che sarà 'sto marito? Che farà? —
E se lo pija pe' curiosità.

In un momento de cattivo umore
lo fa la donna quanno che s'annoja;
ma è 'na cosa slavata, contro voja,
dove c'è tutto fôri che l'amore.
È un genere d'amante che s'appiccica
spece ne le giornate che pioviccica.

Ma quanno è innammorata per davero
de quarchiduno che je va a faciolo,
nun cià davanti all'occhi che "lui" solo,
"lui" solamente è l'unico pensiero:
"lui" sa, "lui" fa, "lui" dice, "lui" commanna...
E allora... panza mia, fatte capanna!




La fine de lo sciopero

Vojantri osserverete giustamente:
— Ma come?! Ner sentì 'ste cattiverie,
tutte 'st'infamie, tutte 'st'improperie,
er Domatore nun diceva gnente?
arimaneva lì come un cacchiaccio? —
E ch'aveva da fa' quer poveraccio?

Lui capiva ch'aveveno raggione,
je toccava abbozzà... Ma cór pensiero
cercava de fregalli. Tant'è vero
che, a un certo punto de la spiegazzione,
disse piano a la Moje: — Amica mia,
qui bisogna giocà de furberia.

Già me tengo un discorso preparato
dove ciò messo tutto: l'affarismo,
li sfruttatori der capitalismo,
co' la conquista der proletariato,
benessere sociale, Fratellanza,
Giustizzia, Libbertà, Fede, Uguajanza...

Co' un popolo de bestie come questo,
pe' minchionallo bene, è necessario
prima de tutto un bon vocabbolario,
un ber vocione e relativo gesto.
Basteno 'ste tre cose e so' sicuro
de rimettélli co' le spalle ar muro.

E appena avrò ripreso er sopravvento
pe' sottomette 'sta canaja infame,
la prima bestia che me dice: «ho fame»,
je do 'na schioppettata a tradimento.
Questo è er mezzo più semplice e più pratico
pe' conservà un governo democratico! —

Certo de la riuscita, er Domatore
sonò tre o quattro vorte la grancassa
pe' potè fa' più effetto su la massa,
se soffiò er naso e principiò a discore:
— No, così nun pô annà, popolo mio:
lo capisco benissimo pur'io!

Er cammino che fa la civiltà
s'impone a Papi, Imperatori e Re!
La borghesia precipita da sé,
spinta dar soffio de la Libbertà,
e se trova a combatte a tu per tu
co' l'ideale de la schiavitù!

Compagni! — Bene! Bravo! — strillò l'Orso.
— Mó dichi bene! — fece er Coccodrillo.
— Ah! meno male! Mó sto più tranquillo... —
barbottò l'Omo, e seguitò er discorso:
— Compagni! D'ora in poi ce vô un governo
più bono, più civile, più moderno.

Faremo una politica un po' mista
uguale a la politica italiana,
con una monarchia repubbricana
clerico-moderata-socialista:
così contento tutti e ar tempo istesso
resterò Re com'ero fino adesso.

In quanto poi ar benessere, ho studiato
er modo d'arisorve la questione:
pe' potè mijorà la condizzione
de la classe più povera, ho pensato
de faje un'ignezzione ogni matina:
e sapete co' che? co' la morfina.

La morfina è una cosa che fa bene
e intontonisce provisoriamente:
chi la pija va in estasi e se sente
come una cosa dórce ne le vene,
perché se scorda, tra la veja e er sonno,
le noje e le miserie de' sto monno.

Solo co' 'sto rimedio rivedremo
tutto color de rosa, tutto bello...
— Ma questo — strillò er Cane — è un macchiavello
pe' pijacce pe' 'r collo a quanti semo!
Tu cerchi d'imbrojacce, e te lo dico
pe' via che te conosco e te so' amico.

Pe' li mali ce vô la medicina,
ne convengo e la cosa è naturale;
ma propone un benessere sociale
a furia d'ignezzioni de morfina
significa provede a li bisogni
co' quello che se vede ne li sogni!

È un ber pezzetto ormai che ce riempi
la testa co' le solite parole!
È un ber pezzetto che prometti er Sole
ch'annunzia l'arba de li novi tempi...
Ma intanto annamo a letto senza cena:
antro che sole novo e luna piena!

Tu che sei furbo appoggi er socialismo
perché, fra transiggenti e intransiggenti,
noi se trovamo in mezzo a du' corenti
cór rischio d'abbuscasse un rumatismo.
Così tra 'no sbadijo e 'no stranuto
restamo buggerati senza sputo! —

Allora l'Omo disse: — Ma perché,
invece de discore tutti quanti,
nun nominate du' rappresentanti
de fiducia che parlino co' me?
Questa me pare l'unica maniera...
— Sì, sì, ha raggione, — disse la Pantera —

Nominamo du' membri fra de noi
che vadino a portà la condizzione:
io darebbe l'incarico ar Leone...
— Oh, in questo, — disse l'Omo — fate voi.
Co' l'uguajanza che ciavete adesso
o un Leone o un Majale fa l'istesso.

Perché sceje un Leone e no un Majale?
Se cominciate a fa' le preferenze
voi riammettete certe diferenze
e fate un'uguajanza disuguale;
anzi, per esse giusti, incaricate
le du' bestie più povere e affamate. —

E furono defatti er Porco e er Gatto
l'animali che c'ebbero l'onore
d'annà a discute assieme ar Domatore,
che fra de lui rideva come un matto
pe' via che tanto er Gatto ch'er Majale
lo chiamaveno amico personale.

— Colleghi, — poi je disse sottovoce —
io so' disposto a tutto, so' disposto,
basta che nun me fate perde er posto
e obbrigate le bestie più feroce
a rientra ne le gabbie... — E, caso mai,
— je domannò er Majale — che ce dài?

— Ecco: a te te prometto in segretezza
un bon impiego in una fattoria.
Lì potrai fa' qualunque porcheria
e ingrassatte framezzo a la monnezza.
Magnerai, beverai, farai l'amore...
Insomma, via! starai come un signore.

Riguardo ar Gatto je darò ogni giorno
una libbra de trippa e de pormone,
lo terrò a casa mia com'un padrone
che magna e beve e nun concrude un corno.
Così, séte contenti. — Er Porco e er Gatto
risposero: — Va bene! Sarà fatto! —

E ritornorno in mezzo a li compagni
strillanno: — Alegri, amichi! Avemo vinto!
Finarmente er Padrone s'è convinto
ch'è necessario che la bestia magni!
Avemo vinto! D'ora in poi ciavrete
qualunque concessione chiederete.

Però badate: perché l'Omo ciabbia
tutta la carma pe' studià l'affare,
ve prega che finite le cagnare
e rientrate tranquilli ne la gabbia,
speranno sur bon senso speciarmente
de quelli der partito intransiggente. —

Le bestie ne convennero. Quarcuna
più sfiduciata nun voleva cede;
ma poi, credenno a quelli in bona fede,
rientrorno ne le gabbie una per una:
mentre ch'er Domatore soddisfatto
baciava er Porco e abbracciava er Gatto.
nick mano fredda
nick mano fredda
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 990
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Poesia al maschile - Pagina 2 Empty Re: Poesia al maschile

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.